Contenuto sponsorizzato

Venezia espugna il PalaTrento, il sogno scudetto si fa in salita

Basket. I Lagunari riescono a vincere una gara incerta e dura: ora si trovano in vantaggio nella serie per 2-1. Craft, Forray e Gomes non bastano ai bianconeri

Di Luca Andreazza - 14 giugno 2017 - 22:42

TRENTO. Venezia espugna il PalaTrento per 67-73 e si porta avanti nella serie scudetto sul 2-1. La Dolomiti Energia si gioca tutto, raccoglie tutte le energie possibili e forse qualcosa anche di più, ma i lagunari sono più lucidi nelle fasi chiave della partita e riescono a incassare anche il colpo inferto dalle casacche bianconere nel secondo quarto: Trento è una macchina perfetta e rifila ai veneti un sonante 20-13.


Nervi tesi, ogni pallone è una lotta, dura, durissima e appassionante. Ritmo, intensità, difesa e sportellate a rimbalzo sono gli ingredienti di questa Gara 3 mai scontata e incerta quasi fino alla sirena.

 

Aaron Craft, Toto Forray (14 punti a testa) e Beto Gomes trascinano il PalaTrento e la Dolomiti Energia contro la Reyer Venezia, spesso alle corde, ma alla fine i trentini pagano la scarsa precisione dalla lunetta (10/23 e soprattutto di Hogue a 3/10) e i lagunari riescono a spuntarla, sfruttando anche la lunga panchina e trovando sempre interpreti diversi per indirizzare nel verso giusto la gara.

 

Brutto fuoriprogramma invece sul finire del terzo quarto, quando la polizia deve intervenire per calmare e portare fuori dall'impianto una persona ospite su di giri.

 

Non resta tempo a Venezia per festeggiare e a Trento di rimuginare sulla partita: tra quarantotto ore è di nuovo parquet e sudore per Gara 4 

 

Maurizio Buscaglia schiera Craft, Flaccadori, Gomes, Hogue, Shields

Walter De Raffaele risponde con Haynes, Peric, Bramos, Tonut, Ortner

 

Tanta intensità e tanto nervosismo sul parquet nel primo quarto: Ortner apre le danze e Shields pareggia sul 2-2, ma l'equilibrio si trascina fino al 6-6. Venezia cerca il primo strappo sul 6-8 e una stoppata, ma sul ribaltamento arriva una contro-stoppata e la tripla di Gomes per il primo vantaggio trentino: 9-8. Il reverse di Craft dice +3 (11-8) e i lagunari chiamano il time out. Al rientro l'altoatesino Thomas Ress piazza un parziale di 0-5, arrotondato da Stone: 11-15. Il tecnico trentino lancia nella mischia Flaccadori e Lovisotto. Il momento è nero: parziale di 12-0 e la Reyer costruisce il massimo vantaggio sul +9 (11-20). Forray interrompe la striscia veneta per il 13-20, mentre Shields sulla sirena riporta in quota i bianconeri: 15-20. 

 

La partita ricomincia per il secondo parziale e la Dolomiti Energia è indiavolata: la tripla di Flaccadori inaugura il secondo parziale, Forray trova tre punti su un tiro allo scadere dei secondi per il vantaggio trentino (21-20). La difesa è ermetica: il contropiede, arresto e tiro di Craft costruisce il parziale di 9-0 trentino per il 23-20. Venezia è alle corde e chiama il time out. La schiacciata di McGee su palla persa di Hogue del 24-22 mette fine a circa tre minuti senza punti e Maurizio Buscaglia interrompe il gioco. L'Aquila scappa sul 30-22, ma Haynes è un cecchino dalla lunetta (3/3) e ridà colore agli ospiti per il 30-25. La Dolomiti Energia non lascia passare nulla nella propria metà campo: la tripla di Forray in transizione dice +10 (35-25), mentre Haynes abbandona momentaneamente il campo per un colpo subito. Venezia è fallosa e perde tanti palloni: Forray invece è perfetto da fuori per il 38-29. Filloy sulla sirena da centrocampo trova il canestro del 38-33 all'intervallo lungo. 

 

Venezia esce dagli spogliatoi per la terza frazione più decisa e nonostante i punti di Craft e Gomes, inizia a recuperare. La Dolomiti Energia è più imprecisa, mentre i lagunari hanno maggiore ritmo: il piede perno di Haynes è una delizia e vale il 42-42. Trento soffre e la Reyer rimette il naso avanti per il 48-52. Il canestro di McGee spinge Buscaglia a chiamare il time out per riordinare le idee. Al rientro Peric dalla lunetta scrive il +6 in favore di Venezia (48-54). Craft rimette in scia l'Aquila, quindi capitan Forray è determinato a spingersi fino in fondo: canestro e tiro liber: 53-54. La schiacciata di McGee chiude il parziale sul 53-56.

 

Un'incredibile palla recuperata di Craft avvicina la Dolomiti Energia dopo pochi secondi dell'ultimo quarto e capovolge la partita: 57-56. Dopo la partenza sprint bianconera Ejin rimette però subito avanti Venezia. Bramos si accende e trova il +4 (57-61). Il gancio di Beto Gomes rimette in scia i bianconeri per il 59-63. ma Venezia scappa a +8 (59-67). Stone inizia a spegnere le speranze al PalaTrento: tripla e +10 (60-70). La tripla di Shields rende solo meno amaro il finale e scrive il 67-73 alla sirena.

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO - UMANA VENEZIA 67-73

(15-20, 38-33, 53-56)

 

DOLOMITI ENERGIA:

Craft 14 (7/14), Bernardi 0, Forray 14 (2/4 3/5 da tre), Flaccadori 7 (1/5 1/3 da tre 2/4 ai liberi) , Gomes 13 (4/7, 1/6 da tre 2/2 ai liberi), Hogue 7 (2/7 3/10 ai liberi), Lovisotto 0, Shields 12 (2/4 2/4 da tre 2/4 ai liberi), Sutton ne, Lechthaler 0 (0/2). Coach: Buscaglia

 

REYER VENEZIA:

Haynes 14 (1/2 2/6 da tre 6/7 ai liberi), Ejim 7 (1/3 5/6 ai liberi), Peric 8 (3/7 2/2 ai liberi), Bramos 5 (1/2 1/6 da tre), Filloy 5 (1/3 1/6 da tre), Ress 3 (1/1 1/3 ai liberi), Ortner 10 (5/8), Viggiano 2 (1/1), Visconti ne, Stone 13 (2/2 3/4 da tre) McGee 6 (3/3), Tonut 0 All. De Raffaele.

 

NOTE: Tiri liberi: Trentino 10/23,  Venezia 14/18. Tiri da due: Trentino 18/34, Venezia 19/35. Tiri da tre: Trentino 7/19, Venezia 7/27. Rimbalzi: Trentino 39 (Shilds 9), Venezia 42 (Ejim 8) . Assist: Trentino 11 (Craft 6), Venezia 7 (Stone 3). Spettatori: 4.000. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 febbraio - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 febbraio - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato