Contenuto sponsorizzato

Arrampicata e bici, snorkeling e rafting, ecco cinque (inaspettate) attività da praticare in Sri Lanka

Ci sono numerose possibilità per restare attivi senza che vengano percepite come un faticoso esercizio. Ecco i consigli di Viaggigiovani.it per cinque attività outdoor da praticare in Sri Lanka

Di Spazio autogestito - 14 agosto 2018 - 21:35

TRENTO. Andare in bicicletta, arrampicarsi sulle rocce, praticare il rafting o lo snorkeling. Prima di iniziare a pianificare un viaggio in Sri Lanka non pensereste necessariamente a tutte queste attività.

 

È più probabile che evochiate le immagini di antichi templi, lussureggianti piantagioni di tè e lunghe spiagge sabbiose.

 

Ma se siete preoccupati che tutto quel curry e riso vi facciano lievitare un po’, non pensateci.

 

Ci sono numerose possibilità per restare attivi senza che vengano percepite come un faticoso esercizio. Ecco i consigli di Viaggigiovani.it per cinque attività outdoor da praticare in Sri Lanka.

 

1. Girare in bicicletta attraverso alcuni siti storici

Il modo migliore per girare tra le antiche città di Anuradhapura e Polonnaruwa, dichiarate Patrimonio dell’Unesco, è in bicicletta.

 

Certo, potreste visitarli a bordo di un tuk tuk o di una macchina con l’aria condizionata, ma pedalare è la miglior maniera per godersi questi paesaggi. Pedalerete oltre le risaie più verdi, zigzagarete sulla vostra bicicletta tra alcune rovine e saluterete con la mano gli amichevoli abitanti. Preparatevi a… sudare.

 

2. Hiking sugli altipiani

Non ci sono altre parole per descrivere gli altopiani dello Sri Lanka, perché sono semplicemente pittoreschi.

 

Piantagioni di tè crescono ad ogni angolo più remoto delle torreggianti montagne, che sono punteggiate da lavoratori che raccolgono le verdi foglie.

 

Questo è il paesaggio perfetto per le escursioni, già che il clima è più fresco e meno umido.

 

Le migliori camminate includono il pellegrinaggio alla Adam’s Peak (alta 2.243 metri) o alla Little Adam’s Peak per coloro che preferiscono qualcosa di un po’ più facile, ma con vedute egualmente gratificanti. L’osservatorio dal Lipton Seat mostra, verso sud, una veduta aperta di tutto il mare e una sveglia molto presto vi vedrà fare un’escursione di 10 chilometri che include la famosa – e mozzafiato – vista della fine del mondo.  

 

3. Snorkelling a Pigeon Island

Il Pigeon Island National Park (nel nord-est del Paese) potrebbe benissimo essere il parco nazionale più piccolo che abbiate mai visto. Situato solo ad un chilometro dalla costa di Nilaveli, l’isola occupa una superficie di 4,61 chilometri quadrati e ospita alcune delle migliori barriere coralline conservate in Sri Lanka, rendendolo un posto stellare dove praticare qualche immersione.

 

Potete esplorare questo paradiso marino per ore – individuando la specie nera degli squali della barriera, varie specie di tartarughe marine e circa 300 tipi di pesci.

 

4. Surfare presso la Arugam Bay

Sulla costa orientale dello Sri Lanka, la Aragum Bay è uno dei posti migliori del paese dove praticare il surf. Coloro che non sono ancora pronti per sbattere contro onde di uno o due metri, possono unirsi ad un surf camp e imparare gradualmente come affrontare questi intervalli. Questa baia a forma di luna è veramente tranquilla ed è perfetta per trascorrere alcuni giorni di pigrizia distesi su un’amaca.

 

5. Lanciarsi in una partita di cricket

Non è un segreto che gli srilankesi siano ossessionati dal cricket. Vedrete gruppi di bambini giocare ovunque, specialmente intorno a Galle. E adorano quando uno sconosciuto si immischia nel loro gioco. Probabilmente vi elimineranno ai primi colpi, quindi… iniziate a fare un po’ di pratica già da ora. Howzat!

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 08 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 16:56

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

09 dicembre - 18:33

Soddisfazione all'Apt per il grande afflusso di turisti e visitatori tra le 92 casette del Mercatino e le 400 bancarelle della Fiera di Santa Lucia

09 dicembre - 05:01

Giovedì sera Jacob è rimasto vittima di un atto di razzismo mentre si trovava in piazza Cesare Battisti per bere un brulè con gli amici. Saputo quello che era successo l'assessore comunale Roberto Stanchina e la direttrice dell'Apt Elda Verones, si sono immediatamente messi in contatto con il ragazzo chiedendogli scusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato