Contenuto sponsorizzato

Ben 78 gru in volo sopra Trento. Gli esperti: "Ipotizziamo che a causa delle recenti gelate si stiano spostando verso sud"

In questa stagione autunnale, sottolineano gli esperti, le gru possono essere avvistate mentre sorvolano i cieli trentini, è probabile che anche questo stormo continui il suo viaggio ancora per molti chilometri fino ad approdare in alcune aree di Marocco, Etiopia o dell'Europa meridionale

 

A sinistra lo stormo di Gru fotografato sopra Mattarello da Ornella Tamanini. A destra una foto di Wikipedia scattata da Marek Szczepanek
Di Tiziano Grottolo - 02 novembre 2019 - 09:57

TRENTO. Questa mattina ben 78 esemplari Gru sono stati avvistati in volo nei cieli sopra Mattarello di Trento. Il fortunato incontro è stato immortalato da Ornella Tamanini intorno alle 8. Le Gru si stanno spostando da Nord verso Sud-ovest, direzione Lago di Cei nella zona del Massiccio del Monte Bondone. 

 

Queste gru sono alte circa 120 centimetri e possono arrivare a pesare 7 chili, con un'apertura alare che può raggiungere i 2 metri e 40. Questi volatili sono conosciuti anche come gru cenerine o gru eurasiatiche e come dice il nome il loro piumaggio si contraddistingue per il colore grigio, con il collo bianco e nero e una macchia rossa sulla testa. 

 

Secondo Karol Tabarelli de Fatis, assistente tecnico scientifico del Muse, si tratterebbe di animali in spostamento dalle pianure del centro Europa, che si stanno abbassando di latitudine a causa delle recenti gelate che hanno colpito, ad esempio, le pianure ungheresi. Ogni anno, sempre in questa stagione autunnale, queste gru sono diventate una presenza regolare e non è raro vederle sorvolare i cieli del Trentino.

 


 

Nel Hortobagy National Park ungherese sono attualmente segnalate più di 150mila esemplari di questa specie Grus grus e ogni anno, quando le temperature subiscono un drastico calo, scendendo anche sotto zero, questi uccelli scelgono di spostarsi  a Sud, facendolo in una massa vistosa e vociante. Come si può notare dalla foto le Gru, ma questa caratteristica accomuna diverse specie di uccelli migratori, stanno volando nella classica formazione a "V" che contribuisce a ridurre l'attrito con l'aria e consente loro di spostarsi per lunghe distanze con minore dispendio di energie. 

 

Come dicevamo questa specie vive nelle nelle regioni centrali e settentrionali dell'Europa e dell'Asia ma in inverno si raccoglie in stormi numerosi per affrontare migrazioni anche di migliaia di chilometri fino al Marocco, all'Etiopia o all'Europa meridionale, preferendo habitat acquitrinosi e steppici.
 

Esemplari ripresi in Liguria

 

Gli esperti raccomandano: "Tenete d’occhio il cielo e orecchie ben tese per ascoltare il loro caratteristico e sonoro verso" infatti non è da escludere che possano essere avvistati altri stromi in vola sopra il Trentino

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 ottobre - 12:01
Per Cna Fita regionale bisogna "Passare dalle richieste e dalle promesse ai fatti" e arriva la richiesta di intervento non soltanto [...]
Società
24 ottobre - 09:54
Sono circa 14 mila gli addetti necessari a questo settore tra strutture ricettive e della ristorazione. Gianni Battaiola (presidente di Asat): [...]
Cronaca
24 ottobre - 09:05
Dopo alcune segnalazioni dei cittadini gli agenti della polizia di Bressanone sono intervenuti e i tre, alla vista della 'Pantera' hanno tentato di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato