Contenuto sponsorizzato

Migliaia di storni nel Biotopo ''Taio'' di Nomi, lo spettacolo (VIDEO) delle loro evoluzioni (con tanto di esemplare albino)

Il video e le immagini ce le invia uno dei nostri lettori, Paolo Deimichei, e risalgono a ieri. Mostrano gli stormi di questi uccelli che in questo periodo dell'anno si esibiscono in grandi acrobazie nei nostri cieli

Pubblicato il - 21 ottobre 2019 - 11:33

NOMI. Migliaia di storni ripresi nella riserva naturale provinciale ''Taio'' di Nomi. Le immagini e le foto sono state realizzate da Paolo Deimichei e mostrano le tante ''nuvolette'' di uccelli che sfilano sopra il pelo dell'acqua per poi andarsi a posare nella vegetazione. La riserva, che si trova molto vicino all'abitato di Nomi in Vallagarina, è nato da un intervento ingegneristico per la bonifica di una discarica abusiva che rischiava di far sparire l'oasi.

 

Così l'intervento delle istituzione per creare un'area protetta e salvare il luogo. A seguito di un ventennio di interventi di riqualificazione ambientale condotti dall’Ufficio biotopi della Provincia di Trento, l’area è oggi tra le più importanti zone umide sulla rotta che gli uccelli migratori percorrono tra la pianura padana e il nord delle Alpi. Sono presenti uccelli nidificanti di molti tipi, dal germano reale alla folaga, dalla cannaiola al tarabusino, ma anche rane e rospi che qui trovano la possibilità di riprodursi.

 

L'area venne ''tagliata'' (da qui ''Taio'') e quel che rimase del ramo morto fu una piccola palude oggi paradiso per gli uccelli migratori. In questo modo si andò a recuperare anche terreni coltivabili. Quelli ripresi da Deimichei sono degli storni, uccelli simili al passero. Hanno la coda corta, un'apertura alare di circa 37 centimetri e sono lunghi una ventina. 

 

Le loro penne sono nere e lucenti in estate, e hanno riflessi bronzei e verdi con delle macchie bianche, in inverno. Anche se tra le foto scattate a ''Taio'' ne compare anche uno albino.

 

In questa stagione la maggior parte degli storni in italia sono rappresentati da contingenti svernanti, che si riproducono in nord Europa.

 

Tra le loro ''armi'' vincenti vi sono gli occhi che possono muovere indipendentemente l'uno dall'altro (in questo modo possono controllare che non vi siano pericoli e individuare anche il cibo da mangiare senza muovere su e e giù la testa) e poi vi è un articolato sistema ''sociale'': gli stormi quando compiono le acrobazie che tutti conosciamo si assicurano, così, che non vi siano pericoli nelle vicinanze.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

18 novembre - 11:19

Canne fumarie coperte da neve, il rischio è che questa situazione crei un cattivo tiraggio del camino che impedisce la dispersione dei fumi di combustione in atmosfera, favorendo la concentrazione del pericoloso monossido di carbonio (CO) all'interno dell'abitazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato