Contenuto sponsorizzato

Tempesta Vaia, due anni per riaprire i Serrai di Guda. ''Siamo stati l'epicentro, solo da noi oltre 100 milioni di danni: abbiamo fatto un miracolo per ripartire''

La stima dei danni si aggira intorno ai 110 milioni di euro, mentre per il Veneto si parla di 1 miliardo e per il Trentino Alto Adige di circa 400 milioni. Viaggio a Rocca Pietore, l'epicentro del terremoto atmosferico della tempesta Vaia

Di Luca Andreazza - 29 giugno 2019 - 06:01

ROCCA PIETORE. E' stata definita l'epicentro del terremoto atmosferico, Rocca Pietore è stata spazzata dalla furia di acqua e vento della tempesta Vaia. Il simbolo della devastazione è il canyon dei Serrai di Sottoguda, un gioiello a livello mondiale oggi irriconoscibile. "Un momento estremamente difficile - ricorda il sindaco Andrea De Bernardin - tra strade divelte, alberghi pieni di fango e detriti, alberi schiantati, 24 dei 30 torrenti erano esondati e 70 centimetri di acqua in tre giorni. Non ci siamo spezzati e oggi possiamo dire di aver compiuto un miracolo per riprenderci e ripartire".

 

La stima dei danni si aggira intorno ai 110 milioni di euro, mentre per il Veneto si parla di 1 miliardo e per il Trentino Alto Adige di circa 400 milioni. "Se il Friuli nel '76 ha fatto scuola - aggiunge il primo cittadino - noi non siamo stati da meno. La difficoltà di intervento è stata l'estensione del nostro territorio che si sviluppa in 75 chilometri quadrati e tutta l'area comunale è stata colpita, nessuna zona si è salvata. Alcune frazioni sono rimaste un mese senza acqua: in appena 23 giorni abbiamo ricostruito quasi tre chilometri di acquedotto con il Bim, mentre mancavano anche elettricità, internet e copertura telefonica".

 

Il comune e i cittadini però si sono rimboccati le maniche fin da subito, tanto che la stagione invernale è stata salvata e c'è grande aspettativa per questi mesi estivi, anche se chiaramente gli escursionisti sono chiamati a informarsi e seguire tutte le precauzioni del caso per un paesaggio cambiato (Qui articolo: Tempesta Vaia: quasi 1 sentiero su 3 ancora inagibile, per ripristinarli servirà ancora molto lavoro. Ecco quali sono i percorsi da evitare). 

 

"C'è anche un turismo della curiosità che si trasforma in solidarietà. Chiaro che un evento come questo - prosegue De Bernardin - ci ha portato visibilità e alcuni raggiungono le nostre località per vedere quanto è successo. Questo però ha aspetti positivi perché permette di far girare l'economia. Abbiamo dimostrato un'enorme capacità di reazione".

 

La tempesta Vaia a Rocca Pietore nel bellunese

La corsa per recuperare il legname è ancora però lunga. "Si opera in zone estremamente impervie e valanghive. Un territorio molto fragile e delicato - evidenzia il sindaco - quindi si lavora per rimuovere gli alberi e mettere tutto in sicurezza in presa diretta tra sistemi di protezione e para-valanghe per evitare futuri danni a case e strade".

 

Gli sforzi sono concentrati anche per ripristinare i Serrai di Guda. "Il paese è salvo, non ci sono danni - commenta De Bernardin - mentre la gola è completamente distrutta. Un'attrazione turistica davvero importante: i visitatori annuali sono oltre 150 mila e ci vorranno due anni per riaprire il canyon al pubblico. L'intenzione è quella di riportare l'area a prima di Vaia, mantenere la naturalità. Questa estate si sistema la parte alta tra disaggi, pulizia e sicurezza, quindi si regimentano i torrenti e poi si può pensare a sistemare l'area bassa".

 

La deadline è quella di essere nuovamente operativi nel 2021 e per questo è stato lanciato un bando da 7 milioni in collaborazione con la Fondazione Unesco. "Siamo molto soddisfatti - continua il sindaco - poi della raccolta fondi che abbiamo creato come comune: abbiamo raccolto 1,5 milioni di euro. Rispetto alle stime dei danni sembrano pochi, ma sono risorse utili e disponibili fin da subito per ricostruire".

 

Il comune di Rocca Pietore guarda avanti. "Siamo ripartiti subito e abbiamo un futuro. Ora le nuove difficoltà sono di tipo burocratico. Tutto è in mano ai soggetti attuatori di nomina regionale - conclude De Beranrdin - ma le procedure sono lente tea gare e appalti, affidamenti, progettazioni e direzione lavori. Qualche deroga c'è, ma è come lavorare in ordinaria amministrazione e questo ci rallenta un po', altrimenti saremmo ancora più avanti nella ricostruzione".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 maggio - 19:18
Trovati 44 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 69 guarigioni. Sono 848 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
11 maggio - 18:31
Bocciata dalla Corte Costituzionale la norma voluta dalla Lega del Trentino e attaccata duramente dall'opposizione. Il Pd: "Noi da sempre contrari, [...]
Cronaca
10 maggio - 17:29
Fino al 30 giugno è possibile presentare la domanda online per ottenere uno dei 25 alloggi a canone moderato nella Circoscrizione di Gardolo. Sul [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato