Contenuto sponsorizzato

Le volpi si avvicinano alle case e il sindaco ne dispone l'abbattimento. "Sono esemplari disadattati, con disturbi comportamentali e malate"

Fa discutere l'ordinanza con cui il sindaco di Nova Ponente Bernhard Daum ha disposto l'abbattimento o la cattura da parte del guardiacaccia locale di tre esemplari di volpe colpevoli di avvicinarsi troppo alle case. Gli animalisti sul piede di guerra

Pubblicato il - 07 novembre 2020 - 09:40

NOVA PONENTE. “Volpi disadattate”, “con disturbi del comportamento e probabilmente affette da malattie”. Fanno discutere le definizioni date dal sindaco di Nova Ponente Berhard Daum, che in un’ordinanza del 2 novembre ha disposto che nel Comune altoatesino si abbattano tre esemplari di volpi. La loro colpa? Essersi avvicinate troppo alle case dei novaponentani.

 

A dover sostenere questo onere, sempre secondo disposizione sindacale, sarà il guardiacaccia del luogo, “autorizzato e incaricato di catturare o abbattere in ogni momento del giorno o notte le volpi con disturbo comportamentale o malate che si avvicinano alle persone nei pressi delle case di abitazione”. Con 60 giorni a propria disposizione in caso di eventuale ricorso, il presidente della riserva di caccia dovrà quindi liberare Nova Ponente dai tre problematici esemplari, la cui unica colpa pare essere quella di essere sé stesse.

 

A far discutere, dunque, ci sarebbe come detto la stessa definizione data dal sindaco Daum delle volpi in questione. “Disadattate”, “affette da malattie”, “che presentano disturbi del comportamento” paiono definizioni poco consone a una volpe, o, ad ogni modo, che necessiterebbero del consulto di un veterinario. Al contrario, il sindaco di Nova Ponente ha affibbiato queste caratteristiche agli esemplari in questione sulla base del solo fatto che “non dimostrano nessun timore” nell’avvicinarsi alla case.

 

L’ordinanza non poteva che scatenare le reazioni degli animalisti, con Oipa, Homeless Pets e Südtiroler Tierfreundeverein che hanno annunciato un ricorso, visti anche i pericoli che tale provvedimento potrebbe rappresentare per gli abitanti. Secondo quanto ordinato, infatti, il guardiacaccia potrebbe sparare in aree abitate per abbattere le volpi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 19:35
Questa la situazione rispetto ai parametri nazionali per la zona gialla: l'occupazione delle terapie intensive è al 9% (il tetto fissato per [...]
Politica
05 dicembre - 19:01
Sui social il presidente della Provincia con tanto di logo della Pat ha comunicato di aver ottenuto una qualche deroga al super (mai stato in [...]
Cronaca
05 dicembre - 18:17
Sull'Altopiano dei Sette Comuni la neve sta cadendo abbondante in queste ore e sulle strade sono già diversi i veicoli in difficoltà a causa [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato