Contenuto sponsorizzato

Rifiuti, Trento è tra i capoluoghi più "ricicloni" d'Italia

Sono Pordenone, Trento, Treviso e Belluno i capoluoghi "Rifiuti Free". Oltre a Trento, tra i comuni sopra ai 15 mila abitanti segnalato anche il comune di Pergine. L'indagine è stata condotta da Legambiente

Di GF - 23 ottobre 2020 - 11:17

TRENTO. C'è anche Trento tra i quattro capoluoghi di provincia più 'ricicloni' d'Italia. Assieme infatti a Pordenone, Treviso e seguiti poi da Belluno, il capoluogo trentino è stato riconosciuto tra i comuni definiti “Rifiuti Free”.

 

Il risultato è stato segnalato nel rapporto 2020 di Legambiente “Comuni ricicloni” (QUI IL DOSSIER COMPLETO) dove sono riconosciuti quei territori dove dove ogni cittadino produce al massimo 75 chili di secco residuo all’anno. In tutto sono 598 i comuni “premiati”, 51 in più dello scorso anno e la maggior parte dell'aumento è avvenuto nel Meridione.

I comuni rifiuti free del Sud Italia sono passati, infatti, da 84 a 122 e pesano, ora, per il 20,4% sul totale dei comuni in graduatoria. Il merito di questa rimonta va, soprattutto, all’Abruzzo, che porta i comuni virtuosi da 15 a 38 (con un balzo dal 5 al 12% sul totale dei comuni della Regione), alla Campania che sale da 23 a 36 comuni (dal 4 al 7%) e alla Sicilia che passa da uno a otto comuni (da 0 a 2%), tra cui Misilmeri (PA) di oltre 30mila abitanti.

I comuni del Centro rappresentano il 6,5% del totale dei Comuni in classifica e il Nord, nonostante l’incremento in numeri assoluti, per la prima volta scende dal 77% al 73,1%. Da segnalare la Lombardia che cresce di 22 comuni (da 85 a 107).

 

Analizzando le regioni, il Veneto si conferma il territorio con il numero più elevato di comuni rifiuti free: 168 comuni per una percentuale sul totale del 30%, stabile rispetto allo scorso anno. Seguono il Trentino-Alto Adige con 78 comuni (28%), due in più rispetto al 2019 che lo aveva visto in forte crescita, e il Friuli-Venezia Giulia, che con 48 comuni rimane a quota 22%. Poi l’Abruzzo e il Molise che passa da nove a 13 comuni (dal 7% al 10%).

 

Il rapporto è stato presentato durante la seconda giornata del talk show online EcoForum sull’Economia circolare dei rifiuti, organizzato da Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club.

 

Nell’indagine Comuni Rifiuti Free 2020, Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige e Veneto sono le uniche tre regioni che si vedono rappresentate in tutte e quattro le categorie del concorso: i comuni sotto i 5.000 abitanti, tra i 5.000 e i 15.000, oltre i 15.000 e Capoluoghi. Come a dire che nel triveneto la raccolta differenziata è di qualità indipendentemente dalla dimensione demografica, grazie a un sistema di raccolta e gestione efficace basato, nella maggior parte dei casi, su sistemi consortili, raccolta porta a porta e tariffazione puntuale.

 

Tra i comuni non capoluogo sopra i 15 mila abitanti, oltre a Misilmeri (PA), i vincitori di quest’anno sono Baronissi (SA), Castelfranco Emilia (MO), Porcia (PN), Porto Mantovano (MN), Castelfidardo (AN), Certaldo (FI), Pergine Valsugana (TN) e Vedelago (TV). 

Per quanto riguarda i territori sotto i 5 mila abitanti in Trentino ad essere segnalato è Terra d'Adige mentre tra i 5 e i 15 mila abitanti l'Altopiano della Vigolana.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 26 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 May - 20:00
Si va verso il provvedimento di decadenza della Guerrato e ora le strutture provinciali valutano come procedere per sbloccare il Not. Non si [...]
Cronaca
27 May - 18:21
Fortunatamente non sono rimaste coinvolte persone nel distacco di grandi dimensioni sul versante est del Monte Daino. Il geologo e i tecnici hanno [...]
Montagna
27 May - 18:41
Nella maxi-operazioni di soccorso sono decollati 7 elicotteri e sono stati entrati in azione una quarantina di tecnici. Il crollo ha coinvolto 17 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato