Contenuto sponsorizzato

Trentino, a gennaio qualità dell'aria "scadente". Superati i limiti a Trento, Borgo Valsugana e Riva del Garda

E' stato pubblicato dall'Azienda provinciale per la protezione dell'ambiente il bollettino mensile sulla qualità dell'aria in provincia. Alta pressione e assenza di pioggia favoriscono il ristagno degli inquinanti. Ciò nonostante, i valori medi di concentrazione sono risultati significativamente al di sotto della media per un mese invernale critico come quello di gennaio

Pubblicato il - 06 febbraio 2020 - 15:26

TRENTO. Sono stati pubblicati dall'Appa (Azienda provinciale per la protezione dell'ambiente) i dati relativi alla qualità dell'aria nella nostra provincia nel mese appena trascorso.

 

Per descrivere in maniera sintetica i livelli di inquinamento atmosferico in un luogo e in un determinato periodo si è definito, a livello europeo, un indice di qualità dell'aria (il cosiddetto AQI - Air quality index) sviluppato in cinque classi: buono, discreto, moderato, scadente, pessimo.

 

Se l'indicatore si ferma alle classi "buono", "discreto" e "moderato", significa che i valori di concentrazione d'inquinanti hanno rispettato tutti i limiti fissati dalla normativa a tutela della salute. Le classi "scadente" e "pessimo", invece, indicano valori di concentrazioni che, almeno in una stazione di misurazione e per almeno un inquinante, ne sono risultati superiori.

 

Il clima mite, l'alta pressione e l'assenza di precipitazioni significative (QUI ARTICOLO) hanno favorito il ristagno di agenti inquinanti. Per questo, nel mese di gennaio la qualità dell'aria nella nostra provincia è risultata "scadente". Ciò nonostante, va notato come, in generale, i valori medi di concentrazione siano comunque risultati inferiori rispetto alla media per un periodo da sempre critico come quello invernale. 

 

Nel mese di gennaio 2020 i rilevatori della rete provinciale hanno evidenziato una qualità dell'aria scadente nella nostra provincia. Il giudizio è stato determinato da quattro eventi di superamento del limite di media giornaliera per le polveri sottili PM10, e un superamento del limite massimo giornaliero della media oraria per l’inquinante biossido di azoto NO2.

 

 

Il 9 e il 10 gennaio sono stati registrati due superamenti di PM10 nella stazione di Trento in via Bolzano dove, il 14, si è superato anche il valore limite del biossido di azoto NO2. Il 25 gennaio i limiti di PM10 sono stati superati anche nella stazione di Borgo Valsugana e il 28 in quella di Riva del Garda. 

 

"Pur in presenza di questi superamenti - si legge nel report dell'Appa - è peraltro da sottolineare che, nonostante condizioni meteorologiche complessivamente favorevoli al ristagno degli inquinanti e la quasi totale assenza di pioggia, il numero totale di superamenti di PM10 e NO2, e più in generale i valori medi di concentrazione, sono risultati significativamente al di sotto della media per un mese invernale critico come quello di gennaio".

 

Va inoltre notato che tutti gli altri inquinanti (biossido di zolfo SO2, monossido di carbonio CO e benzene) hanno comunque registrato concentrazioni molto al di sotto del limite. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

19 ottobre - 17:44

Sono stati analizzati 1.521 tamponi, 79 i test positivi nelle ultime 24 ore. Il rapporto contagi/tamponi si attesa a 5,2%. Ci sono 6 classi in più in isolamento a causa dell'epidemia Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato