Contenuto sponsorizzato

"Nelle aree rurali e montane la caccia fa più paura di orsi e lupi", il sondaggio: "Per il 76% degli italiani è più importante tutelare la biodiversità"

Dai dati raccolti grazie ala sondaggio della Lav emerge che la maggior parte degli italiani che abitano in montagna o in campagna "è contraria alla caccia e favorevole ad un approccio non letale per favorire la convivenza tra selvatici e attività umane"

Di S.D.P. - 09 maggio 2024 - 15:06

TRENTO. La maggior parte degli italiani che abitano in montagna o in campagna si è detta "contraria alla caccia e favorevole ad un approccio incruento e non letale per favorire la convivenza tra selvatici e attività umane". E' questo quanto emerge da un recente sondaggio condotto da Lav, rivolto ai cittadini europei delle aree rurali, che assegna la 'medaglia d'oro' agli italiani per la richiesta di tutela degli animali. 

 

A novembre scorso la coalizione europea delle associazioni di tutela degli animali, Eurogroup for Animals, della quale fa parte anche la Lav, aveva commissionato a Savanta, multinazionale specializzata nei sondaggi d’opinione, una ricerca sulla percezione della caccia fra i cittadini europei residenti in Germania, Francia, Spagna, Olanda, Italia, Belgio, Polonia, Danimarca, Svezia e Romania.  

 

"Tale ricerca non si è rivolta a coloro che vivono nelle aree urbane, ma ha avuto come campione solo ed esclusivamente le persone residenti nelle zone rurali, le cui risposte assumono quindi un peso particolarmente rilevante - fanno notare da Lav - perché si tratta dei cittadini più esposti ai soprusi, ai pericoli e all’invadenza dei cacciatori".

 

E proseguono: "I dati emersi dalle interviste effettuate sui cittadini italiani sono importanti e confermano la consolidata contrarietà degli italiani alla caccia, dati che assumono ancora più rilevanza perché riferiti esclusivamente ai cittadini che vivono in aree rurali, cioè proprio dove la caccia è maggiormente radicata", dichiara Massimo Vitturi, responsabile Animali selvatici Lav.

 

È così che ben l’83% degli italiani desidera che vengano studiati e applicati sistemi non letali e non cruenti per la gestione delle popolazioni di animali selvatici, "manifestando così la netta contrarietà all’utilizzo dei fucili dei cacciatori".  Un vero e proprio primato, che vede il nostro Paese in prima fila nella condanna senza esitazioni della caccia, relegata tra le attività crudeli e intollerabili, oltre che pericolose. Il 49% degli italiani che vivono nelle zone rurali, infatti, ha affermato di non sentirsi sicuro nell’uscire di casa durante la stagione di caccia, a fronte di solo il 24% che invece dichiara di non essere preoccupato.  

 

Altro dato rilevante è quello che vede "il 79% degli italiani considerare gli animali selvatici esseri senzienti che dovrebbero essere protetti. Una posizione che prende così le distanze dalle recenti dichiarazioni del ministro Lollobrigida, secondo il quale solo gli esseri umani dovrebbero essere considerati tali. Anche in questo caso il nostro Paese raggiunge il primato europeo", concludono da Lav.

 

Ai dati sopra analizzati "possiamo aggiungere anche che il 76% dei cittadini italiani ritiene che sia più importante la tutela della biodiversità e il benessere degli animali rispetto al mantenimento delle tradizioni venatorie e il 72% che si dichiara contrario alla caccia nei confronti di animali nati e allevati in cattività, come le decine di migliaia di lepri e fagiani che ogni anno i cacciatori italiani rilasciano sul territorio al solo scopo di fucilarli nei giorni di caccia. Il quadro è quindi chiaro e definito: gli italiani sono nettamente contrari alla caccia e a ogni altro abuso nei confronti degli animali selvatici".

 

"La caccia è un relitto sociale senza futuro del quale dobbiamo liberarci il prima possibile – conclude Vitturi – uccidere gli animali per divertimento è sintomo di una società malata, i dati raccolti con il sondaggio europeo confermano scientificamente la considerazione che Tolstoj aveva della caccia più di cent’anni or sono: in essa non vedo che un atto inumano e sanguinario, degno solamente di selvaggi e di uomini che conducono una vita senza coscienza, che non si armonizza con la civiltà e col grado di sviluppo a cui noi ci crediamo arrivati".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
25 giugno - 16:48
La donna alle 5 ha trovato il messaggio e ha visto che i vicini di camper non erano ancora rientrati. Ha dato l'allarme e intorno alle 7 i soccorsi [...]
Montagna
25 giugno - 15:45
Il presidente di Sat Cristian Ferrari: "Salvo un'evoluzione calda dell'estate, ci sono buoni presupposti perché l'abbondante copertura nevosa [...]
Cronaca
25 giugno - 15:45
Il maltempo continua a colpire il Nord Est con disagi soprattutto tra il Trentino e Veneto
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato