Contenuto sponsorizzato

La fisioterapia, una risposta a molti problemi. Katia Libardi: "Attenzione a chi esercita abusivamente questa professione, può arrecare danni"

Un tema al centro di un convegno al Muse per spiegare alla cittadinanza le peculiarità di questo settore. Manipolazioni, manovre e massaggi eseguiti dalle persone sbagliate possono portare conseguenze molto gravi

Di Luca Andreazza - 03 marzo 2018 - 20:48

TRENTO. E' un po' il meccanico del nostro corpo. E' il fisioterapista. Una figura professionale complessa e per la quale occorre fare molta attenzione e non incappare in quelli abusivi e senza regolari licenze per non aggravare eventuali problematiche o patologie. Un tema al centro di un convegno al Muse per spiegare alla cittadinanza le peculiarità di questo settore.

 

"Prevenzione e consapevolezza - spiega Katia Libardi, fisioterapista e presidente regionale Trentino Alto Adige dell’Associazione italiana fisioterapisti (Aifi) - sono aspetti sempre più importanti a fronte di tutte quelle persone che praticano questa professione in modo abusivo".

Questo perché eventuali trattamenti, se praticati in modo non consapevole e preparata, possono arrecare dei danni. Manipolazioni, manovre e massaggi eseguiti dalle persone sbagliate possono infatti portare conseguenze molto gravi con trattamenti terapeutici impropri, lesioni dell'apparato muscolo scheletrico, circolatorio o del sistema nervoso periferico.

 

"Un fisioterapista abilitato - dice la professionista - può valutare e rilevare tutti i rischi, che un abusivo non può conoscere o sapere. Non sempre è opportuno manipolare e un esperto può indicare di rivolgersi al medico oppure al pediatra per accertamenti. Sembra banale, ma una semplice distorsione di caviglia può nascondere una microfrattura: un fisioterapista si accorge e può indirizzare la persona nel modo giusto".

E per questo il percorso per diventare fisioterapisti è stato regolamentato attraverso l'istituzione del corso di laurea e delle associazioni di categoria. A fine 2017 è stato inoltre istituito l'Ordine professionale e le diverse cariche verranno elette nel corso di questo anno.

 

"Questi - aggiunge Libardi - sono strumenti utili per tutelare e preservare la salute dei cittadini, ma anche la professionalità dei fisioterapisti, che in Provincia di Trento sono circa seicento. Questa è un'attività in continuo divenire e i professionisti si aggiornano costantemente per restare al passo tra materiali, conoscenza e scienza. Oggi le neuroscienze hanno fatto enormi passi in avanti e esiste una maggiore consapevolezza da parte delle persone: per questo abbiamo avviato dei percorsi di prevenzione anche nelle scuole".

La fisioterapia è un po' come l'alimentazione, fino a quando il fisico è giovane riesce a reggere agli scompensi, ma poi qualche problema può sempre saltare fuori. "E' importante - prosegue la professionista - capire importanza e utilità di questa attività. Abbiamo avviato il progetto 'la schiena va a scuola' e spieghiamo come preparare uno zaino e quale deve essere il suo peso per evitare sovraccarichi e alterazioni posturali".

 

Un'attività che non riguarda soltanto sportivi oppure persone in avanti con l'età. "La prevenzione - evidenzia la segretaria - è fondamentale e non si esaurisce solo per curare eventuali acciacchi e infortuni, ma questo è un percorso che accompagna le persone in tutte le fasi della vita. Abbiamo una grande richiesta di consulenze per un corretto stile di vita, come una postazione di lavoro corretta. A volte basta poco per migliorare la qualità della posturale".

 

Una strada tracciata tra informazione, consapevolezza e attenzione per garantire la salute dei cittadini. Come è la fotografia in Trentino di questo settore? "L'importanza e l'utilità - conclude Libardi - della fisioterapia nel sistema sanitario è riconosciuta per le competenze e l'elevata qualità. La richiesta è molto alta e sono in crescita anche i liberi professionisti". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato