Contenuto sponsorizzato

Come scegliere la bici da trial

La bici da trial ti serve per praticare il Bike Trial, cioè una disciplina dove tu devi seguire un percorso lungo il quale ci sono vari tipi di ostacoli. Può essere praticata al chiuso o all’aperto e non puoi aiutarti né con i piedi né con le mani

Pubblicato il - 09 maggio 2019 - 19:17

TRENTO. La bici da trial ti serve per praticare il Bike Trial, cioè una disciplina dove tu devi seguire un percorso lungo il quale ci sono vari tipi di ostacoli. Può essere praticata al chiuso o all’aperto e non puoi aiutarti né con i piedi né con le mani. Il tuo unico modo per aggirarli perciò è restare in equilibrio sulla tua bici da trial Reckless Bikes.

 

Non puoi, infatti, praticare questa attività sportiva con una normale bicicletta ma te ne occorre una specifica e studiata proprio per poter rispondere a tutte le esigenze che si presentano lungo il percorso.

 

Cos’è una bici da trial e come sceglierla.

Una bici classica ha un sellino dove ti siedi. La prima cosa che colpisce delle bici da trial è che tale elemento manca. E’ un requisito necessario ed è proprio la sua mancanza che permette a un biker di muoversi in modo rapido senza essere quindi intralciato.

 

La bicicletta poi deve essere categoricamente realizzata con dei materiali molto leggeri e resistenti, proprio per consentirti di muoverti velocemente. I materiali più utilizzati per la sua realizzazione sono il carbonio, il titanio e l’alluminio. Quando devi acquistare una bici da trial quindi devi constatare subito che sia davvero leggera e resistente.

 

Devi controllare anche il tipo di ruote. Le versioni proposte sono quelle da 20, 24 o 26 pollici. Per quelle da 20 pollici di solito viene usato l’impianto a disco, in questo modo il minor raggio della ruota permette una buona frenata, potente e precisa.

 

Per le ruote grandi invece è meglio restare alla versione a pattino che contiene il peso ed è anche più preciso al momento della frenata. Non è che una è migliore dell’altra, non in modo universale almeno. Lo è piuttosto in base alle esigenze che hai tu. Devi valutare qual è la migliore per te. Ciò che devi valutare è il tuo stile di guida e non, come molti erroneamente pensano, la tua altezza.

 

Ricordati quindi che la bici da 20 pollici può fare al caso tuo perché grazie alle dimensioni piccole e compatte ti permettono di fare movimenti rapidi e scattanti. Sono consigliate ai ciclisti che non hanno una forza particolare o comunque si stanno avvicinando solo adesso a questo mondo.

 

Dovresti optare per quelle da 24 o da 26 se è da un po’ che pratichi e hai una buona forza fisica, questo perché sono più difficili da governare. Devi quindi aver ottenuto anche una buona capacità tecnica.

 

Il telaio di queste bici è schiacciato, in questo modo i movimenti di ogni tipo sono più semplici da effettuare. Se hai dubbi comunque il mio suggerimento è quello di parlare con un venditore ufficiale in modo che insieme a lui riesci a identificare il modello migliore per le tue esigenze. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato