Contenuto sponsorizzato

Diabete, in Trentino circa 28 mila persone soffrono di questa patologia. Diverse le giornate di sensibilizzazione e informazione sul territorio

Medici e infermieri dei centri diabetologici dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari e volontari delle associazioni trentine dei diabetici saranno presenti, nelle settimane dal 4 al 17 novembre, a Cavalese, Pergine Valsugana, Riva del Garda, Rovereto, Tione e Trento con diverse iniziative per sensibilizzare e informare i cittadini sulla patologia diabetica

Pubblicato il - 02 novembre 2019 - 20:31

TRENTO. L’informazione e la sensibilizzazione, quando si parla di diabete, sono il primo importantissimo passo da compiere. Anche quest’anno il Trentino aderisce alla Giornata mondiale del diabete del 14 novembre, la principale campagna mondiale per la prevenzione e la diffusione delle informazioni sul diabete, istituita nel 1991 dall’International Diabets Federation e dall’Organizzazione mondiale della sanità.

 

Medici e infermieri dei centri diabetologici dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari e volontari delle associazioni trentine dei diabetici saranno presenti, nelle settimane dal 4 al 17 novembre, a Cavalese, Pergine Valsugana, Riva del Garda, Rovereto, Tione e Trento con diverse iniziative per sensibilizzare e informare i cittadini sulla patologia diabetica.

 

Per la giornata mondiale verranno allestiti dei presidi nelle piazze e nelle strutture sanitarie trentine, dove medici, infermieri e volontari saranno a disposizione per offrire consulenze qualificate e la possibilità di valutare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 con la rilevazione di glicemia, pressione, peso e altezza (per il calcolo dell’indice di massa corporea). Sarà possibile anche trovare materiale informativo per la cura e la prevenzione della malattia. Obiettivo dell’iniziativa: individuare i casi di diabete misconosciuto (ad oggi il 20-30% del totale, circa 1 milione di italiani) o di prevenire/ritardare l’insorgenza della malattia con suggerimenti utili per condurre uno stile di vita sano.

 

In Italia sono circa 3,5 milioni le persone affette da diabete e almeno altrettante ne soffrono o stanno per soffrirne senza saperlo. Si tratta soprattutto di diabete di tipo 2, nella maggior parte dei casi prevenibile attraverso un’attività fisica regolare e una dieta sana ed equilibrata. Una persona su tre, che attualmente convive con il diabete di tipo 2, non è diagnosticata e, per ogni persona con il diabete noto, ce n’è un’altra ad alto rischio di svilupparlo.

 

Per questo diagnosi precoce e trattamento sono fondamentali per prevenire le complicanze del diabete e assicurare una buona qualità di vita. Tutte le famiglie sono potenzialmente colpite dal diabete e quindi la consapevolezza dei segnali, dei sintomi e dei fattori di rischio per tutti i tipi di diabete è fondamentale per aiutarli a rilevarli precocemente.

 

In Trentino i dati degli ultimi anni indicano circa 28 mila persone con diabete, a cui si aggiunge un 30% che non sa di avere la malattia. Il 68% dei diabetici ha più di 65 anni, il 26% più di 80, mentre i soggetti affetti da diabete in età pediatrica sono lo 0,8%. Le donne affette da diabete gestazionale, una patologia legata unicamente alla gravidanza, sono poco più di 300 per anno.

 

Ecco i presidi in programma nella nostra Provincia:

- Rovereto: dal 4 al 7 novembre (centro diabetologico dell’ospedale), dalle 14 alle 16
- Pergine Valsugana: 10 novembre (piazza Gavazzi - imbocco via Pennella), dalle 9 alle 16
- Trento: 10 novembre (piazza Duomo), dalle 9 alle 16
- Tione: 10 novembre (oratorio della chiesa), dalle 9.30 alle 12
- Riva del Garda: 17 novembre (piazza Cavour), dalle 9 alle 12.30
- Cavalese: 17 novembre (atrio dell’ospedale), dalle 14 alle 18. (vt)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 aprile - 20:37

Stime e proiezioni nazionali e internazionali si basano su dati diversi (e sottodimensionati fino a fine marzo) da quelli reali tenuti dalla Provincia. E così per Einaudi Institute for Economics and Finance la pandemia sarebbe dovuta finire a Trento due giorni fa mentre per la Facoltà di Medicina dell’Università di Washington i decessi dovrebbero terminare tra sei giorni. La certezza è che nessuno potrà bluffare sui numeri perché i rischi sono troppo alti

09 aprile - 10:59

La ricerca dimostra come attraverso i social media (con la complicità di alcune testate giornalistiche) vengano veicolate notizie che alimentano una visione dei predatori quali animali violenti, capace di orientare il pubblico amplificando le paure e talvolta creandone di ingiustificate. Gli esperti del Muse: “Così si ostacolando gli sforzi fatti fino ad ora per la conservazione di queste specie”

09 aprile - 06:01

Il risultato è una sanzione da circa 568 euro, che si abbassa a 350 euro se si paga entro un mese. E' successo tra Isera e Rovereto. La giovane si è recata dalla propria abitazione all'auto-lavaggio per la sanificazione mezzo ma si è scontrata con un eccesso di solerzia: "Non hanno nemmeno voluto vedere l'autocertificazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato