Contenuto sponsorizzato

Il ruolo dello studio medico nel sistema sanitario italiano

Qual è il ruolo dello studio medico nel Sistema Sanitario Nazionale? Questa potrebbe sembrare a primo acchito una domanda banale, ma non lo è affatto. Le dinamiche che regolano i rapporti tra i professionisti ed il Ssn sono complesse ma soprattutto varie, dunque è piuttosto difficile riuscire a rispondere in modo univoco a tale quesito

Pubblicato il - 25 agosto 2020 - 11:18

TRENTO. Lo studio medico convenzionato riveste un ruolo fondamentale nel nostro Paese, perché permette di colmare le lacune purtroppo ancora esistenti nelle strutture pubbliche. Al giorno d’oggi gli specialisti che operano in libera professione ma che offrono anche prestazioni in convenzione con il Sistema sanitario nazionale sono diversi e questo è senz’altro un bene. Che si tratti di uno studio privato o associato o ancora di una clinica infatti, il fatto di poter contare su alternative all’ospedale pubblico è fondamentale in Italia e rappresenta una risorsa senz’altro importante.

 

Qual è il ruolo dello studio medico nel Sistema Sanitario Nazionale? Questa potrebbe sembrare a primo acchito una domanda banale, ma non lo è affatto. Le dinamiche che regolano i rapporti tra i professionisti ed il Ssn sono complesse ma soprattutto varie, dunque è piuttosto difficile riuscire a rispondere in modo univoco a tale quesito.

 

Studio medico e Ssn: i rapporti tra pubblico e privato. Quello che è importante sapere è che nel nostro Paese esistono studi medici completamente privati ed altri che invece sono in parte e totalmente convenzionati con il Sistema sanitario nazionale. Le differenze si rintracciano soprattutto dal punto di vista della gestione dei pazienti e degli appuntamenti.Se infatti in una struttura completamente privata tali incombenze sono affidate alla figura della segretaria di studio medico, in una clinica convenzionata parte dell’organizzazione è affidata al Sistema sanitario nazionale. Ciò non significa che non sia presente una figura che si occupa dell’accoglienza e della gestione dei pazienti, ma questa ha senz’altro delle mansioni ridotte.

 

Per quanto riguarda l’erogazione ed il pagamento delle prestazioni sanitarie, solo all’interno di uno studio convenzionato i pazienti possono contare sulle agevolazioni previste dal Ssn. Ciò significa che una visita presso un medico privato che non intrattiene alcun tipo di rapporto con il Sistema Sanitario Nazionale ed opera esclusivamente in regime di libera professione ha un costo superiore.

 

Il medico di base: una figura convenzionata. Un discorso a parte deve essere effettuato per quanto riguarda il medico di base, che pur operando in regime di libera professione è sempre convenzionato con il Sistema sanitario nazionale. Ad ogni cittadino deve infatti essere garantito un servizio di assistenza di primo livello gratuito, anche se naturalmente esistono delle modalità specifiche per poterne usufruire. Il medico di base deve essere scelto e comunicato alla Asl di competenza del proprio comune di residenza e non può superare un numero stabilito di pazienti.

 

Detto questo, anche il medico di famiglia è un libero professionista dunque ha alcune libertà per quanto riguarda l’organizzazione del proprio studio. Può scegliere in totale autonomia la propria assistente alla poltrona, così come l’arredamento dell’ambulatorio e altri dettagli.

Al giorno d’oggi molti medici di base esercitano la propria professione in ambiti differenti, accostando le prestazioni erogate in convenzione con il Ssn ad altri servizi più specifici offerti come medici privati. In tal caso deve però essere chiaro ai pazienti che le due attività sono distinte e che anche il trattamento in termini economici è differente poiché non sempre gratuito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

20 gennaio - 09:10

Uso del cellulare, guida contromano e a cavallo della linea. Proseguono le indagini da parte dei carabinieri forestali sull'episodio avvenuto nelle scorse settimane. I lupi sono stati inseguiti per diversi chilometri ad una velocità che va dai 40 ai 50 chilometri orari

20 gennaio - 08:06

Le indagini stanno andando avanti. Tracce di sangue, che secondo le analisi sarebbero proprio di Peter Neumair, sarebbero state trovate sul ponte di Vadena. Proprio da quel punto, secondo gli inquirenti, sarebbero stati gettati i due corpi del fiume

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato