Contenuto sponsorizzato

MoS, il vino che si dà una mossa. La passione dolomitica di due vignaioli di Lisignago

Un piccolo vigneto fluviale abbarbicato sulle pendici dell'oro rosso porfirico, una produzione ristretta, quasi rara, ma di eccezionale qualità. Così si può descrivere l'attività di Luca Moser e Federico Ferretti, due giovani vignaioli che sfruttano la propria passione per lanciarsi verso gustosi traguardi
DAL BLOG
Di Ades, by Nereo Pederzolli - 07 aprile 2021

Cercherò di stuzzicare curiosità e piacevolezze. Lasciando sempre spazio nel bicchiere alla fantasia

Giovani vignaioli crescono e si danno una mossa, per interpretare al meglio le viti che accudiscono con visioni enologiche di grande respiro. Si danno proprio una mossa, anche nel nome, nella sigla che hanno scelto per caratterizzare la loro micro impresa enoica: MoS.

 

Sono Luca Moser e Federico Ferretti, due cugini, appena trentenni, accomunati dalla passione del vino, anzitutto dolomitico. Imbottigliano rigorosamente ‘in proprio’ solo da un paio di vendemmie. Una selezione certosina di quattro varietà, uve assolutamente identitarielegami territoriali minuziosi, nel pieno rispetto di pratiche colturali mirate alla tutela dell’habitat.

 

Luca Moser, studi al liceo scientifico e laurea in enologia all’Università teutonica di Geisenheim, è di Zambana. La sua famiglia vanta impegno e strategie di promozione legate al rinomato asparago della piana delle Terre d’Adige. Questo però non impedisce ai Moser di gestire un piccolo vigneto fluviale, dove il giovane Luca – impegnato ad Egna nella cantina di Castelfeder - coltiva con rigore anche il ‘suo Pinot grigio’. Sull’etichetta compare la scritta Muripiani, ossimoro, anche per legare la piana ai muri a secco cembrani. Una scelta per diversificare la piccola seppur variegata proposta di MoS.

 

Perché Federico Ferretti – studi enotecnici, occupato nella gestione agricola della famiglia Foradori di Mezzolombardo - è di Lisignago e con Luca suo cugino valorizza irti vigneti di famiglia abbarbicati sulle pendici dell’oro rosso porfirico. Terreni che nulla concedono alla banalità. Per capirlo basta gustare questi altri tre vini dei MoS, rigorosamente stanziali, la Valle di Cembra nell’indole e nel timbro inconfondibile della tradizione dolomitica. In sequenza, per ordine di territorialità: Schiava, Chardonnay e Riesling. Un tris che con il Pinot grigio di Zambana consentono ai due di MoS di dare proprio una mossa ad una certa sedentarietà dell’enologia trentina.

 

Vini con spiccata personalità, etichetta con grafia accattivante, vinificati a Lisignago, in una microscopica struttura, una sorta di ‘caveau’ per rarità, sicuramente senza nulla concedere alla quantità. Imbottigliano appunto neppure 6 mila bottiglie in tutto, ma con riscontri decisamente emozionali.

 

Anzitutto – nella mia goduriosa quanto personale graduatoria - con il Riesling, vitigno d’altura, le sfide a portata di sorso, per un bere altrettanto verticale, simbolico, assolutamente montanaroSalinità e un turbinio aromatico mai invadente, vino di e per la pazienza, che non ha bisogno di darsi una mossa, anzi: l’ulteriore affinamento in bottiglia lo valorizzerà ulteriormente.

 

Non da meno è lo Chardonnay, con il distintivo Tesadro (è il soprannome della famiglia Ferretti) per innalzare l’attenzione verso un vino/vitigno di stampo internazionale e che difficilmente tradisce il vignaiolo più sagace e altrettanto appaga il degustatore più accorto. 

 

Che dire: pure la Schiava ha nerbo indomito, con una spontanea scorrevolezza, quasi da vino beverino, nonostante un buon tenore alcolico e una gentile sfumatura rosacea. Forse è da questa sua versatilità che ha il rafforzativo Parase, ovvero ‘pararsi la sete’.

 

Chiude, ma non è considerazione minimamente irriguardosa, il Muripiani Pinot Grigio. Con quel tanto di classico sentore di pere montanare, sapore pieno, quasi croccante nella sua transazione ovvero anche tra i turioni delle asparigine il vino può essere buono. Basta avere la passione di questi due vignaioli. Che si sono davvero dati una mossa. Lanciandosi verso sicuri gustosi traguardi.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 aprile - 06:01
Maestri di sci, titolari di ristoranti e bar hanno deciso di partire dalle valli di Fiemme e Fassa per protestare davanti ai palazzi della [...]
Cronaca
20 aprile - 20:52
Emergono le prime misure contenute nella bozza del prossimo decreto legge per fronteggiare l'emergenza Covid. Alcune modifiche potrebbero [...]
Cronaca
20 aprile - 20:27
Trovati 85 positivi, comunicati 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 145 guarigioni. Sono 1.278 i casi attivi sul territorio [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato