Contenuto sponsorizzato

Al Portland per rieducare lo sguardo, in scena "Mio fratello rincorre i dinosauri"

Teatro e studio s’incontrano in 'Mio fratello rincorre i dinosauri' tratto dal libro di Giacomo Mazzariol. Una proposta serale gratuita e sperimentale al teatro Portland: un monologo dell’attore Christian Di Domenico per la regia di Andrea Brunello. A settembre ritorna sul palco
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 30 giugno 2017

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

In un quartiere in evoluzione, Piedicastello, un teatro in evoluzione.

 

Tra basse case e condomini discreti, si affaccia al mondo il Portland, nuovi orizzonti teatrali.

 

Il luogo, in via Papiria 8, è sede da tempo di teatro ed è un centro di workshop e spettacoli innovativi per la pedagogia teatrale.

 

Teatro e studio s’incontrano in uno sposalizio d’intesa a trecentosessanta gradi  in 'Mio fratello rincorre i dinosauri' tratto dal libro di Giacomo Mazzariol.

 

Una proposta serale gratuita, sperimentale, un debutto, sabato 24 giugno, nel clou delle Feste Vigiliane a Trento. Lo spettacolo è un monologo dell’attore Christian Di Domenico per la regia di Andrea Brunello.

 

L’attore scava nel mondo dell’handicap, per capire come le persone disabili si relazionano con gli altri.

 

Cosa vuol dire amicizia, sincerità, cos’è un luogo comune.

 

Protagonista è il fratello di un bambino down. Giacomo ha due sorelle e, a cinque anni, i genitori gli annunciano che arriverà un fratello speciale.

 

Lui si aspetta un essere con i superpoteri. Scoprirà un nuovo mondo che rifiuterà e odierà, per apprezzarlo e amarlo.

 

Si simulano scene di bullismoesclusione, riflessione.

 

Un libro che diviene spettacolo e si anima con i gesti, le parole e la musica. L’attore con enfasi si identifica nel protagonista e riflette sull’importanza di avere un fratello speciale.

 

Si ride, ci si emoziona specialmente alla fine quando Giovanni, il fratello speciale, con la sua carica di affetto, abbraccia, saltandogli letteralmente addosso, Christian, madido di sudore.

 

Nel pubblico erano presenti gli splendidi  familiari di Giovanni, che lo hanno accompagnato nell’ascolto e nella visione dello spettacolo. Giovanni felice e sereno, alla fine del monologo ha riconquistato i suoi dinosauri. E’ stato attore anch’egli dello spettacolo che è la sua vita.

 

Un lavoro, quello proposto, di grande spessore, che nella sua semplicità potrebbe essere uno stimolo per le scuole, rieducare lo sguardo per comprendere la bellezza che circonda ogni essere umano.

 

L’esperimento è riuscito,  aspettiamo Giovanni, in settembre con il suo entusiasmo per non apparire ma essere.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 12:51

Anche il Friuli-Venezia Giulia si è visto bocciare la sua norma “sulle case Itea” che di fatto escludeva dall’edilizia agevolata gli stranieri. L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione: “La Regione metta rapidamente fine a questa situazione illegittima attenendosi all’ordine del Tribunale, ripristinando immediatamente la legalità”

05 marzo - 11:32

Il personale di Trenitalia ha proclamato lo sciopero nazionale dalle 21 di domenica 7 marzo alle 21 di lunedì 8 marzo 2021. Ecco le tabelle dei treni garantiti

06 marzo - 13:32

L'allerta è scattata in località Patone a Isera. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato