Contenuto sponsorizzato

Blade Runner 2049: Harrison Ford e Ryan Gosling ci sono, gli spettatori meno

Cambia la regia - Denis Villeneuve - rimane l’attore-mito di questa saga fantascientifica ma il film non è più un evento come nel 1982 quando uscì il film targato Ridley Scott
Dal blog di Alda Baglioni - 07 ottobre 2017 - 12:17

Non è più un evento. E’ appena uscito Blade Runner 2049, ma le sale, a Trento, erano semivuote. Un sequel di quel Blade Runner del regista Ridley Scott che allora, nel 1982, aveva coinvolto (e continua a farlo) schiere di spettatori nelle sale di tutto il mondo e spalancato le porte al dubbio: androidi o umani? Ma quali sono gli umani?

 

Cambia la regia - Denis Villeneuve - rimane l’attore-mito di questa saga fantascientifica: Harrison Ford. Stessa location: California, Los Angeles, la periferia cupa, e le strade desolate e buie della città, con insegne luminose e donne giganti proiettate sulle pareti luminose. Donne spietate, interpretate da attrici come Robin Wright, presa da famosi serial tv. La squadra speciale di Blade Runner rimane. La polizia di Los Angeles deve neutralizzare replicanti clandestini che sognano una vita umana.

 

Esiste la memoria? Cos’è il ricordo? E’ stato iniettato, introdotto nelle menti dei replicanti che non possono avere sentimenti. Ma il sentimento può essere trasportato? Il mondo reale sembra ormai una cozzaglia di rifiuti radioattivi dove si aggirano astronavi supertecnologiche. La nebbia lascia il posto alla pioggia e, principalmente, alla neve. Nel film originale la pioggia insistente, era sporca ed accentuava l’inquinamento della città. Nel lavoro di Villeneuve, Ryan Gosling sembra voler purificare le sue mani tra la neve, che cade.

 

La realtà virtuale sovrasta tutto, anche l’amore, dove umani, forse, e replicanti si accoppiano sovrapponendosi senza anima. Lontani flash del passato fanno capolino, creando momenti magici, le figure mitiche di Marylin Monroe, Frank Sinatra e Elvis Presley. Caldi ricordi si annullano in una colonna sonora che passa dal classico allo sperimentale. Un pupazzo di legno, materiale raro in quel contesto, diviene il leit motiv che fa percorrere al protagonista, Officer K, il proprio (presunto?) passato di bambino. Ma un androide non può essere stato un bambino. Ed un mistero si deve sciogliere, chi è il bambino nato il 10-6-2021?

 

E ancora. Blade Runner 1982-2017, un filo che rimane nelle mani di Rick Deckard (Harrison Ford) che sopravvive isolato nei meandri di una città rimasta ‘vera’, solo e con un cane. Rilancia anche gli stessi dubbi che ci aveva lasciato a suo tempo: replicante o umano? Anche la nascita di un figlio è più miracolosa che misteriosa. Denis Villeneuve si cimenta con Ridley Scott, mostro sacro della cinematografia di fantascienza mondiale, ma ce l’ha fatta a creare un nuovo film? La memoria che si ha del film di Scott, è riposta nelle parole finali da sempre usate nell’immaginario collettivo: Ho visto cose che voi umani.. è tempo di morire.

 

Qui le parole non servono, le immagini e l’espressione dei volti ci trasmettono un futuro desolato. Senza magia. Senza sogno. Senza l’unicorno. Senza fine. Forse solo lo stimolo per un terzo episodio.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato