Contenuto sponsorizzato

Chiunque si esalta sarà umiliato

Le parole pronunciate da Gesù e riportate nella lettura di questa domenica non sono molto conosciute, e ad una prima lettura potrebbero sembrare “secondarie” se confrontati con altri passi evangelici. In realtà anch'esse, con altre parole, riassumono gli insegnamenti esistenziali di Gesù
Dal blog di Alessandro Anderle - 31 agosto 2019 - 19:44

Lc 14,7-14 [In quel tempo], Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: «Cedigli il posto!». Allora dovrai con vergogna occupare l'ultimo posto.

Invece, quando sei invitato, va' a metterti all'ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: «Amico, vieni più avanti!». Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato». Disse poi a colui che l'aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch'essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

 

Le parole pronunciate da Gesù e riportate nella lettura di questa domenica non sono molto conosciute, e ad una prima lettura potrebbero sembrare “secondarie” se confrontati con altri passi evangelici. In realtà anch'esse, con altre parole, riassumono gli insegnamenti esistenziali di Gesù.

 

Questa narrazione compare solamente nel vangelo secondo Luca, l'ambientazione è quella a cui siamo abituati ormai da qualche settimana: Gesù si trova in cammino verso Gerusalemme, il suo ultimo viaggio. Viene messo al corrente delle intenzioni di Erode, il quale sta tramando per ucciderlo. E così sarebbe stato qualora avesse messo piede a Gerusalemme. Gesù, come è noto, non fugge, ma prosegue il suo cammino, in senso letterale e metaforico.

 

È in questo frangente che un fariseo – un esperto nella Torah di Mosè, l'insegnamento, la legge ebraica, ed un suo stretto osservante – invita Gesù ad un banchetto di nozze. Appare chiaro, ma è sempre meglio ribadirlo, che le parole del Maestro non erano volte ad imporre una rigida regolamentazione, da osservare alla lettera come fosse una legge. Gesù, “semplicemente”, approfitta anche di questo frangente per dire in altre parole l'atteggiamento esistenziale che dovrebbero tenere coloro che decidessero di seguire il suo cammino, il suo esempio.

 

Luca qui probabilmente riflette la situazione della propria comunità, nella quale si svilupparono dissidi per la preminenza nei posti a sedere nelle assemblee. Deve essere chiaro che Gesù non sta imponendo pratiche di umiliazione, di mortificazione personale. Gesù sta mostrando un atteggiamento esistenziale: quello per cui nessuna persona dovrebbe mai percepire se stessa come più importante di un'altra. Gesù, per traslare le parole di Paolo, fu esaltato dal Padre solo perché accettò l'umiliazione – ai tempi del Maestro ritenuta l'Umiliazione – della croce.

 

Nel secondo brano, invece, Gesù mostra un altro atteggiamento esistenziale per i suoi discepoli: quello dell'amore gratuito e disinteressato – ammesso che quello che si opera in modo interessato possa definirsi “amore”. Non solo gli “ultimi” vanno aiutati perché ciò è “bene”, i poveri dovrebbero essere aiutati proprio perché essi non hanno nulla da offrire in cambio. E, da parte di questi, non ci si aspetti nemmeno riconoscenza o ringraziamenti, come uno schiavo favorito dal padrone il quale è obbligato a ringraziarlo. L'Amore, per essere tale, deve purificarsi anche dalla riconoscenza

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato