Contenuto sponsorizzato

Il ricordo di Augusto Rampanelli animatore instancabile ed entusiasta della sua comunità

DAL BLOG
Di Franco Panizza - 21 giugno 2022

Segretario politico del Patt e Senatore nella XVII legislatura 

Ci ha lasciato in questi giorni Augusto Rampanelli di Spormaggiore, un protagonista del mondo cooperativo, direttore per tanti anni della Famiglia cooperativa Brenta Paganella, animatore instancabile ed entusiasta della sua comunità.

 

Augusto ha seguito per tutta la sua vita lo sviluppo e la crescita della cooperazione trentina, in particolare di quella di consumo. Era un uomo che non si tirava mai indietro quando si trattava di trovare soluzioni e individuare progetti per far crescere la sua comunità, che si trattasse della sua Cassa rurale, del Comune, del Gruppo Alpini, delle società sportive, dei gruppi giovanili o dei comitati carnevale.

 

Augusto era un uomo del territorio, ma aveva lo sguardo aperto e lungimirante, capace di superare i campanilismi. Nella mia lunga esperienza di assessore alla cooperazione tante sono state le occasioni di collaborare con lui e di recepire le giuste sollecitazioni che raccoglieva sul territorio. Tanti i progetti portati avanti assieme, perché Augusto era un uomo del fare più che del parlare e metteva sempre gli interessi della comunità davanti ai suoi.

 

Ovunque ci fosse da dare una mano lui c’era, con la sua infinita generosità, con il suo ottimismo trascinante e la sua simpatia contagiosa, con quel suo modo di non fermarsi mai davanti a nessun ostacolo, quando sapeva che l’obiettivo era giusto e raggiungibile.  Non si risparmiava con nessuno e si era costruito nel tempo un tessuto di relazioni professionali e di rapporti amicali che gli consentivano di confrontarsi con chiunque. Per questo, pur non avendo mai assunto incarichi di grande visibilità, era diventato un protagonista della vita cooperativa trentina.

 

Ora che non c’è più fisicamente tra noi ne sentiremo la mancanza, ma rimane il segno di quanto da lui realizzato e resta vivo, in tutti coloro che - come me - hanno avuto la fortuna di conoscerlo, il ricordo dei tanti piacevoli momenti vissuti assieme. Il nostro pensiero affettuoso e riconoscente va in questo momento alla sua famiglia, che l’ha accompagnato e sostenuto lungo tutta la sua attività e lo ha assistito amorevolmente durante la sua lunga malattia.

Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 giugno - 22:45
Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni di San Vigilio, l'evento clou della Disfida in piazza Fiera con la vittoria dei Gobj. [...]
Politica
26 giugno - 20:34
L'ex presidente della Pat: “Sulle Comunità di valle retromarcia definitiva, tutto resta come prima, in questi giorni altra retromarcia [...]
Società
26 giugno - 20:04
"Francesco e l'autismo" è una pagina nata a marzo scorso con l'intento di mostrare le attività quotidiane del bambino, dalle recite scolastiche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato