Contenuto sponsorizzato

Fatica ad allenarsi? Il caldo non c'entra. Il segreto è l'automotivazione

Uno studio su 18 ciclisti divisi in due gruppi ha dimostrato come a parità di temperature il team che si era allenato anche mentalmente era in grado di staccare l'altro di oltre mezz'ora sui test di resistenza
DAL BLOG
Di Livio Zerbini - 25 settembre 2016

Fsioterapista, preparatore atletico negli sport di squadra e consulente sport individuali (sci di fondo, ciclismo, atletica) sia per amatori che atleti professionisti.

Durante l’estate appena trascorsa sarà capitato a molti di noi di fare dell’attività fisica con il caldo. Spesso un giro in bicicletta, una corsa a piedi o una partita di calcio da piacevoli attività si sono trasformate in momenti faticosi, conditi da scarse performance atletiche. Per fortuna, l’alibi del caldo ci ha sempre aiutato a giustificare brutte sensazioni, gambe pesanti e gran sofferenza. Non la pensano così un gruppo di studiosi canadesi, capitanati dal dottor Cheung e dal suo studente Philip Wallace, che, probabilmente stufi delle lamentele di chi pratica attività sportiva col caldo (e in Ontario per esperienza lavorativa personale le estati sono assai calde e afose) hanno ideato, realizzato e pubblicato uno studio scientifico molto interessante (Wallace PJ et al 2016).

 

 

Sono stati reclutati diciotto ciclisti allenati e, casualmente, sono stati divisi in due gruppi. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a un test di resistenza alla fatica su bicicletta e ad alcuni test cognitivi in un laboratorio, ad una temperatura di ben 35 gradi. In seguito, il primo gruppo ha ricevuto, per un periodo di due settimane, un allenamento mentale basato sulle teorie psicologiche dell’automotivazione, mentre il secondo gruppo, a cui non è stato somministrato alcun allenamento mentale, è servito come gruppo di controllo.

 

 

L’allenamento mentale somministrato al primo gruppo, basato su teorie ed evidenze scientifiche, consisteva nel modificare il flusso di pensieri che affolla la nostra testa ogni qual volta il nostro fisico si trova a gestire fatica e difficoltà. Ad esempio, i partecipanti che ricevevano l’allenamento mentale dovevano cercare di cambiare alcuni loro pensieri ricorrenti: se normalmente, durante gli allenamenti quotidiani, i pensieri dominati erano: “ mamma mia, che caldo che fa...”, “sto cuocendo..”, “non ce la faccio più con questa afa...”, durante le due settimane di training mentale dovevano cercare di sostituirli con pensieri come “continua a spingere che stai andando bene!”, “questo caldo non mi condiziona!”.

 

 

Al termine delle due settimane di esperimento, in cui l’unica differenza tra i due gruppi era stata l’allenamento mentale, sono stati effettuati nuovamente tutti i test, e, in particolare, lo sforzo ad alta temperatura, con risultati davvero sorprendenti...

Il gruppo che aveva ricevuto l’allenamento mentale ha migliorato il test di resistenza alla fatica di oltre tre minuti, migliorando anche i risultati dei test cognitivi, mentre nel gruppo di controllo non ci sono stati cambiamenti tra i risultati del primo test e quelli del secondo. Questo dimostra che la variabile “allenamento mentale” è stata davvero efficace nel migliorare la capacità di eseguire un esercizio fisico con il caldo.

Quindi, per queste ultime settimane di un settembre con temperature estive e, sopratutto, per la prossima estate, l’alibi del caldo non funzionerà più.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicale la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato