Contenuto sponsorizzato

2013: lo studio che dimostrava che l'orso creava visibilità (molto buona) al Trentino

Quattro anni fa veniva elaborato lo studio “Ursus Arctos e promozione territoriale: un approccio di marketing” che dimostrava come l'orso in provincia garantisse visibilità e pubblicità positiva per il nostro territorio. Oggi quello studio sarebbe diverso
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 27 agosto 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il numero 1/2013 di Dendronatura, periodico semestrale dell’Associazione Forestale del Trentino, riportava un articolo firmato da un gruppo di docenti e ricercatori dell’Università di Trento intitolato “Ursus Arctos e promozione territoriale: un approccio di marketing”.

 

Partendo dal presupposto che la presenza dell’orso in Trentino è un fattore potenziale di attrattiva, gli autori hanno calcolato il costo che la Provincia di Trento avrebbe dovuto affrontare per ottenere tramite messaggi pubblicitari una notorietà pari a quella raggiunta a seguito di notizie e servizi giornalistici riguardanti la presenza e le scorribande dei plantigradi pubblicati in Italia e in altri Paesi.

 

 

 

Al tempo (2013) il calcolo portava a risultati positivi. L’orso creava visibilità al Trentino senza alcuna spesa pubblicitaria a carico della Provincia. Non si è tenuto contro degli oneri conseguenti alla realizzazione del progetto di reintroduzione dell’orso. Il risultato sarebbe forse diverso se il calcolo si rifacesse con riferimento alle cronache dell’estate 2017.  

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 09:04

E' successo questa mattina, non ci sono stati feriti ma le persone che si trovavano all'interno sono state soccorse dai vigili del fuoco. La linea è stata chiusa per consentire l'intervento dei tecnici 

18 novembre - 11:19

Canne fumarie coperte da neve, il rischio è che questa situazione crei un cattivo tiraggio del camino che impedisce la dispersione dei fumi di combustione in atmosfera, favorendo la concentrazione del pericoloso monossido di carbonio (CO) all'interno dell'abitazione

18 novembre - 09:30

L'incidente è avvenuto ieri sera poco dopo le 23 e sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i carabinieri e i soccorsi sanitari. I tre giovani sono stati trasportati in codice giallo all'ospedale di Arco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato