Contenuto sponsorizzato

Ad Albiano via libera al taglio di castagni selvatici, protestano gli apicoltori

Due lettere sono state inviate al Servizio foreste della Provincia per fermare l'abbattimento perché le piante forniscono polline e nettare per la produzione del miele di castagno ma hanno "sbagliato" destinatario
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 17 ottobre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

L’Associazione apicoltori trentini ha inviato alla direzione del Servizio foreste della Provincia di Trento due lettere di protesta contro l’assegnazione di parti di bosco da legna situate nel comune catastale di Albiano nelle quali si trovavano anche piante di castagno selvatico. Questa specie interessa agli apicoltori perché fornisce polline e nettare necessari per la produzione di miele di castagno.

 

La risposta del dirigente è stata duplice. L’assegnazione è stata fatta dal custode forestale del comune di Albiano in assoluta indipendenza da indicazioni impartite dal Servizio foreste. Nel vivaio forestale di Casteller di Trento si coltivano molte specie di piante. Tra queste ci sono anche Tiglio, Maggiociondolo e diverse specie di Sorbo i cui fiori sono frequentati dalle api dopo che sono state collocate in bosco. L’assegnazione ai comuni è gratuita.

 

Pertanto l’associazione apicoltori trentini deve rivolgersi ai comuni, compreso quello di Albiano, per evitare il taglio di castagni od altre piante di interesse apistico. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato