Contenuto sponsorizzato

Anche l'olivo vuole la sua acqua, l'anno scorso resa ridotta per la siccità

Pur essendo piante dalla grande resistenza anche gli oliveti necessitano di acqua. Nell'Alto Garda si pensa a un progetto d'irrigazione. Intanto l'anno scorso la resa si era ridotta dell'1,5%
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 30 luglio 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

L’olivo ha caratteristiche proprie di una pianta xerofila, cioè che si adatta ad una disponibilità medio bassa di acqua, di pioggia o irrigua. Le radici sono profonde e le foglie, coriacee nella pagina superiore, sono provviste al di sotto di peli stellati e distesi che limitano la traspirazione attraverso gli stomi.

 

Ciò non significa che l’olivicoltura dell’Alto Garda possa fare a meno di irrigazione. Sono dotate d’impianto irriguo a goccia le olivaie di fondovalle. Ne sono prive quelle di media e alta collina.

 

La realizzazione di un progetto generale d’irrigazione è tra gli obiettivi del consorzio irriguo di secondo grado. Lo scorso anno il lungo periodo di siccità di settembre e metà ottobre ha ridotto la resa in olio dell’1-1,5%. Poteva arrivare al 14-14,5%. In effetti non ha superato il 13%

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:26

Sono 478 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Sono stati trovati 143 positivi a fronte dell'analisi di 2.235 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

24 novembre - 19:49

Un'operazione di questo tipo non era mai stata messa in campo nemmeno nella prima ondata ma la situazione è preoccupante e i positivi sono diversi sia tra i permanenti che nella protezione civile. Lo screening con tamponi molecolari avverrà a partire da mercoledì

24 novembre - 21:37

L'Apss ha elaborato nuove linee guida per la gestione dei casi positivi nei luoghi di lavoro. Un intervento sollecitato anche da Cgil, Cisl e Uil in quanto in materia Covid, isolamenti e quarantene le procedure sono diventate piuttosto caotiche

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato