Contenuto sponsorizzato

Arriverà dagli Usa il parassitoide della drosofila

Da una Università degli Usa presso la quale sta lavorando da qualche anno un ricercatore della Fondazione Mach potremo avere esemplari del parassitoide larvale Ganaspis brasiliensis
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 dicembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

E’ assolutamente infondata l’affermazione che il Centro ricerca e innovazione della Fondazione Mach non si sta occupando di drosofila. Lo afferma il ricercatore Gianfranco Anfora che si occupa dell’insetto invasivo di origine asiatica dal 2009 quando è stato trovato per la prima volta su ciliegie e piccoli frutti in varie zone del Trentino.

 

Da una Università degli Usa presso la quale sta lavorando da qualche anno un ricercatore della Fondazione Mach potremo avere esemplari del parassitoide larvale Ganaspis brasiliensis. I colleghi americani, dice Anfora, hanno già studiato in camera di quarantena il comportamento del parassitoide e dimostrato che non altera l’equilibrio dell’ecosistema nel quale viene introdotto. Stiamo raccogliendo informazioni sulle norme e le modalità da seguire per ottenere il materiale biologico ed allevarlo nella struttura di quarantena di cui dispone la Fondazione Mach.

 

Riferendosi ad altri tipi di difesa, Anfora parla di difficoltà pratiche nell’utilizzo di vibrazioni per impedire l’accoppiamento tra maschio e femmina di drosofila. L’insetto ha una capacità di comunicazione tramite ultrasuoni limitata nello spazio. Quanto alla diffusione di maschi sterili, dice Anfora, stiamo collaborando con un Istituto di ricerca che ha sede in Austria. Si tratta in ogni caso di ricerche che richiedono tempi lunghi.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

18 gennaio - 15:25

La Confartigianato piange la scomparsa di due associati: Maurizio Damian, titolare insieme alla moglie del mobilificio Sommariva in viale Cadore a Ponte nelle Alpi, è morto per Covid, mentre Mario Ceretin in un incidente in autostrada. Due lutti in pochi giorni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato