Contenuto sponsorizzato

Arriverà dagli Usa il parassitoide della drosofila

Da una Università degli Usa presso la quale sta lavorando da qualche anno un ricercatore della Fondazione Mach potremo avere esemplari del parassitoide larvale Ganaspis brasiliensis
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 dicembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

E’ assolutamente infondata l’affermazione che il Centro ricerca e innovazione della Fondazione Mach non si sta occupando di drosofila. Lo afferma il ricercatore Gianfranco Anfora che si occupa dell’insetto invasivo di origine asiatica dal 2009 quando è stato trovato per la prima volta su ciliegie e piccoli frutti in varie zone del Trentino.

 

Da una Università degli Usa presso la quale sta lavorando da qualche anno un ricercatore della Fondazione Mach potremo avere esemplari del parassitoide larvale Ganaspis brasiliensis. I colleghi americani, dice Anfora, hanno già studiato in camera di quarantena il comportamento del parassitoide e dimostrato che non altera l’equilibrio dell’ecosistema nel quale viene introdotto. Stiamo raccogliendo informazioni sulle norme e le modalità da seguire per ottenere il materiale biologico ed allevarlo nella struttura di quarantena di cui dispone la Fondazione Mach.

 

Riferendosi ad altri tipi di difesa, Anfora parla di difficoltà pratiche nell’utilizzo di vibrazioni per impedire l’accoppiamento tra maschio e femmina di drosofila. L’insetto ha una capacità di comunicazione tramite ultrasuoni limitata nello spazio. Quanto alla diffusione di maschi sterili, dice Anfora, stiamo collaborando con un Istituto di ricerca che ha sede in Austria. Si tratta in ogni caso di ricerche che richiedono tempi lunghi.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato