Contenuto sponsorizzato

Consentito l'utilizzo residuale di clorpirifos-metil in Trentino ma le informazioni fornite da Apot sarebbero parziali

Nel comunicato stampa non si fa riferimento alle alternative chimiche e di natura agronomica di contenimento degli insetti citati proposte dal gruppo di lavoro della Fondazione Mach che si occupa di difesa biologica, ma mai accolte. Pur risultando assai meno impattanti dell’insetticida clorpirifos
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 31 marzo 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

"Apot: si apre la stagione della difesa fitosanitaria e si conferma la volontà di proseguire verso la sostenibilità". Reca questo titolo un comunicato di data 27 marzo 2020 nel quale si informa che sono iniziati i trattamenti fitosanitari nei meleti trentini.

 

Merita evidenza il seguente capoverso: “Nel dettaglio tecnico, in attesa della  definitiva autorizzazione alla liberazione della vespa Samurai antagonista naturale della cimice asiatica, si è deciso di consentire l’utilizzo residuale di clorpirifos-metil. La decisione si è resa necessaria per prevenire con tutti gli strumenti disponibili la proliferazione della cimice asiatica”.

 

La cimice sverna in luoghi diversi e anche lontani dal frutteto. L’informazione di Apot è quindi parziale. Il ricorso al clorpirifos-metil è stato deciso per fare fronte in anticipo allo sviluppo già in atto di afide lanigero, cocciniglia di Sant’Josè e pochi esemplari di psilla.

 

i è fatto ricorso a questo principio attivo notoriamente neurotossico perché il 16 aprile scadrà il termine per lo smaltimento delle confezioni in residuo.

 

La revoca dell’autorizzazione in sede Ue è del 28 febbraio 2020. Sarebbe stato più corretto spiegare ai non addetti (Comitato difesa salute della Val di Non) che si è scelto il male minore in alternativa all’impossibilità di smaltire in forma massiva il prodotto ancora presente nei rivenditori di fitofarmaci.

 

Nel comunicato stampa non si fa riferimento alle alternative chimiche e di natura agronomica di contenimento degli insetti citati proposte dal gruppo di lavoro della Fondazione Mach che si occupa di difesa biologica, ma mai accolte. Pur risultando assai meno impattanti dell’insetticida clorpirifos. 

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
20 aprile - 06:01
Secondo il Tribunale di Trento la Giunta Fugatti, per l’accesso alle graduatorie Itea, aveva imposto agli stranieri dei criteri discriminatori e [...]
Società
19 aprile - 20:51
Poco più di una settimana fa un ciclista nell'Alto Garda è stato scaraventato in un fosso dopo essere stato urtato da un [...]
Società
19 aprile - 12:25
Grazie alla sua passione per gli effetti speciali, Arakris_vfx riesce a trasformare ogni volta Borgo Valsugana nell'ambientazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato