Contenuto sponsorizzato

Dal caso Dal Rì a quello Menapace grande è la confusione sotto il cielo della Fondazione Mach

Da un lato il direttore generale ha dovuto lasciare l’incarico, perché l’attuale Giunta provinciale non ha riconosciuto il rinnovo già deciso dal Consiglio di amministrazione. Dall'altro il problema delle modalità da seguire per nominare un sostituto di Dal Rì 
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 16 ottobre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La direzione del Centro Istruzione e Formazione professionale della Fondazione Mach in sostituzione di Marco Dal Rì che andrà in pensione il 1°novembre è stata affidata temporaneamente al suo vice Ivano Artuso.

 

Già nel mese di luglio il direttore generale della Fondazione Mach Sergio Menapace si era interessato per individuare un sostituto capace di proseguire le molte iniziative promosse in 13 anni di direzione da Marco Dal Rì.

E’ stato impedito a proseguire nella ricerca dal presidente Andrea Segrè. Nel frattempo Menapace ha dovuto lasciare l’incarico, perché l’attuale Giunta provinciale non ha riconosciuto il rinnovo già deciso dal Consiglio di amministrazione.

 

Il problema delle modalità da seguire per nominare un sostituto di Dal Rì non è stato ancora sottoposto al consiglio di amministrazione. Non si esclude il ricorso ad un concorso a livello nazionale.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 09:04

E' successo questa mattina, non ci sono stati feriti ma le persone che si trovavano all'interno sono state soccorse dai vigili del fuoco. La linea è stata chiusa per consentire l'intervento dei tecnici 

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

18 novembre - 11:19

Canne fumarie coperte da neve, il rischio è che questa situazione crei un cattivo tiraggio del camino che impedisce la dispersione dei fumi di combustione in atmosfera, favorendo la concentrazione del pericoloso monossido di carbonio (CO) all'interno dell'abitazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato