Contenuto sponsorizzato

Dal caso Dal Rì a quello Menapace grande è la confusione sotto il cielo della Fondazione Mach

Da un lato il direttore generale ha dovuto lasciare l’incarico, perché l’attuale Giunta provinciale non ha riconosciuto il rinnovo già deciso dal Consiglio di amministrazione. Dall'altro il problema delle modalità da seguire per nominare un sostituto di Dal Rì 
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 16 ottobre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La direzione del Centro Istruzione e Formazione professionale della Fondazione Mach in sostituzione di Marco Dal Rì che andrà in pensione il 1°novembre è stata affidata temporaneamente al suo vice Ivano Artuso.

 

Già nel mese di luglio il direttore generale della Fondazione Mach Sergio Menapace si era interessato per individuare un sostituto capace di proseguire le molte iniziative promosse in 13 anni di direzione da Marco Dal Rì.

E’ stato impedito a proseguire nella ricerca dal presidente Andrea Segrè. Nel frattempo Menapace ha dovuto lasciare l’incarico, perché l’attuale Giunta provinciale non ha riconosciuto il rinnovo già deciso dal Consiglio di amministrazione.

 

Il problema delle modalità da seguire per nominare un sostituto di Dal Rì non è stato ancora sottoposto al consiglio di amministrazione. Non si esclude il ricorso ad un concorso a livello nazionale.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 maggio - 15:12

I fatti sono successi poco dopo le 13.30 e la dinamica di quanto accaduto è ancora al vaglio degli inquirenti. La donna è finita al Santa Chiara trasportata con l'elicottero in codice rosso

29 maggio - 11:55

Per il membro del consiglio direttivo del Wwf del Trentino Karol Tabarelli de Fatis che ha analizzato l'accaduto i buchi sarebbero artificiali. Segnalazioni simili arrivano anche dal lungolago di Calceranica

29 maggio - 13:28
Il provvedimento firmato dal presidente Luca Zaia entra in vigore da lunedì 1 fino a lunedì 15 giugno. Novità anche sul fronte terme: piscine termali, spa e centri benessere possono riaprire. Zaia: "Partita fondamentale per il nostro territorio"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato