Contenuto sponsorizzato

Danni al mais: dal 2020 arrivano i droni e un prodotto biologico distribuito in formato ''palline''

All'interno delle palline ci saranno le uova di piralide colpite da un parassitoide specifico
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 November 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La piralide del mais è sempre stata presente nei campi coltivati nelle Giudicarie Esteriori per la produzione di insilato e nella Valle del Chiese per produrre mais nostrano da farina.

 

I danni a carico degli stocchi e delle pannocchie, dice Roberta Franchi della Fondazione Mach che si occupa di mais, sono risultati più evidenti da quando non si eseguono trattamenti chimici conto la diabrotica.

 

Per la stagione 2020 è previsto il ricorso alla distribuzione mediante droni di un prodotto biologico costituito da palline contenenti uova di piralide colpite da un parassitoide specifico.

 

Il prodotto sarà fornito da una ditta francese che mette a disposizione anche i droni utilizzati per la distribuzione dei granuli. Il costo previsto è di 50 euro a ettaro più altri 50 per il noleggio dei droni.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 October - 16:06
Sono stati analizzati 11.610 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 40 positivi e 0 decessi. Ci sono 12 persone in ospedale, di [...]
Cronaca
21 October - 12:34
Gli Stati dell'Est sono quelli con minor copertura vaccinale e si ritrovano esattamente nella situazione di un anno fa in Europa. In Romania [...]
Cronaca
21 October - 09:11
Un camion si è ribaltato sul lato dopo che l'autista ha perso il controllo del mezzo uscendo così di strada
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato