Contenuto sponsorizzato

Drosofila Suzukii in Alto Adige attenzione molto alta, in Trentino meno

Il diverso comportamento può essere dipeso dalla differente entità del danno riscontrata nei vigneti delle due province. In provincia di Bolzano dall’esame di laboratorio si è potuto stabilire che la percentuale degli acini senza uova di drosofila variava da un minimo del 35% sui campioni di Cabernet Sauvignon ad un massimo del 76% su Muller Thurgau
Dal blog di Sergio Ferrari - 23 ottobre 2018 - 21:08

Da quando la drosofila suzukii è arrivata in Trentino Alto Adige l’attenzione dei tecnici è stata diversa nelle due province, almeno per quanto riguarda la viticoltura. Cauta e propensa a minimizzare presenza e danni da parte dei tecnici della Fondazione Mach. Più decisa quella dei consulenti del Beratungsring.

 

Il diverso comportamento può essere dipeso dalla differente entità del danno riscontrata nei vigneti delle due province. Una circolare riferita all’Alto Adige e datata 11 ottobre 2018 chiarisce le due posizioni. Dal 23 luglio al 2 ottobre in Alto Adige sono stati raccolti 2.731 campioni (50 acini) in 1.202 vigneti coltivati con 26 vitigni diversi. Dall’esame di laboratorio si è potuto stabilire che la percentuale degli acini senza uova di drosofila variava da un minimo del 35% sui campioni di Cabernet Sauvignon ad un massimo del 76% su Muller
Thurgau
.

 

In Alto Adige la sensibilità alla drosofila è molto elevata per l’uva Portoghese, elevata per Schiava e Zweigelt, media per Lagrein, Cabernet sauvignon e Moscato rosa, scarsa per le altre varietà. Il ventaglio varietale del Trentino è costituito da vitigni poco sensibili.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato