Contenuto sponsorizzato

I Chironomidi, moscerini fondamentali per i laghi ma mancano finanziamenti per portare avanti il progetto

Negli anni ’80 del secolo scorso Ferrarese ha compiuto nella Bassa Vallagarina i primi studi sui Chironomidi. Si tratta di moscerini che non pungono l’uomo e gli animali ma rivestono un ruolo importante negli ecosistemi acquatici
Dal blog di Sergio Ferrari - 21 gennaio 2019 - 21:28

Uberto Ferrarese, entomologo ambientale padovano che si è occupato per trent’anni di zanzara tigre nel Trentino meridionale, è ancora socio corrispondente del Museo Civico di Rovereto.

 

Negli anni ’80 del secolo scorso Ferrarese ha compiuto nella Bassa Vallagarina i primi studi sui Chironomidi.

 

Si tratta di moscerini che non pungono l’uomo e gli animali ma rivestono un ruolo importante negli ecosistemi acquatici.

 

L’esperto vorrebbe riprendere le ricerche proponendo un progetto da condividere con altri gruppi di lavoro ma che necessita di adeguato finanziamento. Leonardo Pontalti ittiologo del Servizio foreste e fauna della provincia di Trento si dichiara favorevole alla proposta.

 

I Chironomidi sono in massima  parte detritivori. Resistono in ambiente acquatico anche a forte presenza di materiale organico che riescono a metabolizzare.

 

Sono anche molto importanti nella catena alimentare di laghi perché rappresentano cibo per i pesci. Biologi del Muse in anni più recenti hanno studiato nel dettaglio i Chironomidi presenti in corsi d’acqua e laghi  presenti nel parco dello Stelvio. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 agosto - 06:01

Il fil rouge di questa vicenda è un giovane che alle sue diverse fidanzate, nel tempo, riserva lo stesso trattamento fatto di botte, insulti pesantissimi e disagi che, in molti casi, si sono trasformati in denunce e ammonimenti. Dopo che sono arrivati gli arresti domiciliari ora per il ragazzo ci sarà il processo e anche sul suo futuro genitoriale la parola passa alla magistratura 

18 agosto - 09:38

Ieri, nel tardo pomeriggio, un forte odore si è diffuso nella stazione dei treni di confine e subito è stato chiaro si trattasse di qualche sostanza chimica. Sul posto molte compagnie dei vigili del fuoco, tecnici e forze dell'ordine

17 agosto - 19:23

La paradossale situazione si è palesata durante un convegno a Dasindo. Il vicepresidente Tonina più che alla tutela di flora e fauna sembra pensare a tutt'altro. E nonostante la figura fatta con M49 e con i lupi (e le famose ronde delle forze dell'ordine eliminate per mancanza di pericoli) si torna a chiedere la potestà per la cattura e l’abbattimento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato