Contenuto sponsorizzato

I Chironomidi, moscerini fondamentali per i laghi ma mancano finanziamenti per portare avanti il progetto

Negli anni ’80 del secolo scorso Ferrarese ha compiuto nella Bassa Vallagarina i primi studi sui Chironomidi. Si tratta di moscerini che non pungono l’uomo e gli animali ma rivestono un ruolo importante negli ecosistemi acquatici
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 21 gennaio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

Uberto Ferrarese, entomologo ambientale padovano che si è occupato per trent’anni di zanzara tigre nel Trentino meridionale, è ancora socio corrispondente del Museo Civico di Rovereto.

 

Negli anni ’80 del secolo scorso Ferrarese ha compiuto nella Bassa Vallagarina i primi studi sui Chironomidi.

 

Si tratta di moscerini che non pungono l’uomo e gli animali ma rivestono un ruolo importante negli ecosistemi acquatici.

 

L’esperto vorrebbe riprendere le ricerche proponendo un progetto da condividere con altri gruppi di lavoro ma che necessita di adeguato finanziamento. Leonardo Pontalti ittiologo del Servizio foreste e fauna della provincia di Trento si dichiara favorevole alla proposta.

 

I Chironomidi sono in massima  parte detritivori. Resistono in ambiente acquatico anche a forte presenza di materiale organico che riescono a metabolizzare.

 

Sono anche molto importanti nella catena alimentare di laghi perché rappresentano cibo per i pesci. Biologi del Muse in anni più recenti hanno studiato nel dettaglio i Chironomidi presenti in corsi d’acqua e laghi  presenti nel parco dello Stelvio. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 19:15

Per il partito democratico nella coazione c'è spazio per il centro. Maestri: "Assurdo andare a pesarsi per arrivare ad un secondo turno. Non verrebbe capito dagli elettori''. L'invito quindi di sedersi ad un tavolo per parlare di valori comuni e di temi 

23 ottobre - 17:36

La stagione influenzale (ottobre-marzo) ha preso inizio e da Udine è giunta una prima poco incoraggiante notizia. Ma l'aggressività dell'influenza verrà calcolata solo più avanti. Per ora l'Azienda sanitaria trentina si prepara alla campagna vaccinale, con l'acquisto di 80mila dosi e un obiettivo preciso: raggiungere almeno il 55% della soglia di soggetti vaccinati tra gli over 65

23 ottobre - 17:57

Il terribile incidente è avvenuto quest'oggi intorno alle 12.45. Con l'uomo, classe '50, c'erano altri due escursionisti che hanno dato l'allarme

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato