Contenuto sponsorizzato

I Chironomidi, moscerini fondamentali per i laghi ma mancano finanziamenti per portare avanti il progetto

Negli anni ’80 del secolo scorso Ferrarese ha compiuto nella Bassa Vallagarina i primi studi sui Chironomidi. Si tratta di moscerini che non pungono l’uomo e gli animali ma rivestono un ruolo importante negli ecosistemi acquatici
Dal blog di Sergio Ferrari - 21 gennaio 2019 - 21:28

Uberto Ferrarese, entomologo ambientale padovano che si è occupato per trent’anni di zanzara tigre nel Trentino meridionale, è ancora socio corrispondente del Museo Civico di Rovereto.

 

Negli anni ’80 del secolo scorso Ferrarese ha compiuto nella Bassa Vallagarina i primi studi sui Chironomidi.

 

Si tratta di moscerini che non pungono l’uomo e gli animali ma rivestono un ruolo importante negli ecosistemi acquatici.

 

L’esperto vorrebbe riprendere le ricerche proponendo un progetto da condividere con altri gruppi di lavoro ma che necessita di adeguato finanziamento. Leonardo Pontalti ittiologo del Servizio foreste e fauna della provincia di Trento si dichiara favorevole alla proposta.

 

I Chironomidi sono in massima  parte detritivori. Resistono in ambiente acquatico anche a forte presenza di materiale organico che riescono a metabolizzare.

 

Sono anche molto importanti nella catena alimentare di laghi perché rappresentano cibo per i pesci. Biologi del Muse in anni più recenti hanno studiato nel dettaglio i Chironomidi presenti in corsi d’acqua e laghi  presenti nel parco dello Stelvio. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 febbraio - 08:20

Alla serata organizzata dal gruppo "Genitori e insegnanti per la cittadinanza attiva" sul futuro delle Pari opportunità la proposta di una dirigente scolastica: "Attrezziamoci per portare avanti comunque la promozione del rispetto e dell'uguaglianza". La prorettrice Poggio: "L'università continuerà a fare formazione"

21 febbraio - 11:04
Decine di veicoli tra auto e camion coinvolti. In allerta tutti gli ospedali del Veneto e gli interventi non di emergenza sono bloccati per tenere le sale operatorie libere
21 febbraio - 09:47

Danni ingenti all'incrocio tra corso Rosmini e via Fontana a Rovereto: divelta una teca espositiva e vetri in frantumi. Nella vettura anche un'altra persona, nessun ferito. I passanti: ''Il mezzo finito proprio dentro la vetrina''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato