Contenuto sponsorizzato

I terreni sono inzuppati d'acqua e ora potrebbero ghiacciare. I vivaisti viticoli avversati dal maltempo

La stagione 2019 non è stata favorevole ai soci della Cooperativa vivai di Padergnone che coltivano barbatelle di vite in terreni presi in affitto nel Veneto
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 07 dicembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La stagione 2019 non è stata favorevole ai soci della Cooperativa vivai di Padergnone che coltivano barbatelle di vite in terreni presi in affitto nel Veneto.

 

La messa a dimora degli innesti talea in tarda primavera era stata ritardata dal maltempo.

 

Le continue piogge hanno reso impraticabili i terreni per alcune settimane e in seguito alla permanenza in terreno inzuppato d’acqua una parte degli innesti ha subito danni per mancato sviluppo delle radici.

 

Le stesse difficoltà, dice Fabio Comai (amministratore della cooperativa), hanno creato le piogge torrenziali di novembre.

 

Il terreno è inzuppato d’acqua e non si può entrare nel piantonaio per l’estirpazione delle barbatelle perché le macchine affondano nel pantano.

 

Per fortuna le barbatelle non soffrono, ma c’è il timore che il terreno nel frattempo ghiacci rendendo problematica l’estirpazione

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

18 gennaio - 15:25

La Confartigianato piange la scomparsa di due associati: Maurizio Damian, titolare insieme alla moglie del mobilificio Sommariva in viale Cadore a Ponte nelle Alpi, è morto per Covid, mentre Mario Ceretin in un incidente in autostrada. Due lutti in pochi giorni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato