Contenuto sponsorizzato

Il primo taglio del fieno si annuncia in calo a causa di siccità e temperature elevate

E’ il primo taglio che riempie il fienile, dice l’esperta Roberta Franchi della Fondazione Mach, che stima pari al 70-80% l’apporto del fieno maggengo al raccolto complessivo di fieno dell’annata. Il secondo taglio è migliore per qualità. Ma ha una resa quantitativa minore
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 21 maggio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Dopo avere effettuato alcuni sopralluoghi in varie zone del Trentino nelle quali sono presenti prati permanenti, Roberta Franchi, esperta di foraggicoltura della Fondazione Mach ritiene che la quantità di fieno del primo taglio (maggengo) farà registrare un calo difficilmente valutabile al momento.

 

Il prato ha sicuramente sofferto per la siccità che ha caratterizzato i primi 4 mesi del nuovo anno. Abbinata per giunta a temperature a volte elevate.

 

E’ il primo taglio che riempie il fienile, dice l’esperta che stima pari al 70-80% l’apporto del fieno maggengo al raccolto complessivo di fieno dell’annata. Il secondo taglio è migliore per qualità. Ma ha una resa quantitativa minore.

 

Qualche allevatore vorrebbe rinviare a metà giugno il primo e secondo sfalcio. Scelta tecnica da evitare, dice la tecnologa della Fem, perché porta ad un abbassamento della qualità del fieno raccolto.

 

Meglio procedere secondo tradizione al primo taglio quando l’erba ha raggiunto un livello accettabile di qualità e sperare che nuove piogge favoriscano la crescita del taglio di inizio estate. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 19:43

Si trovava in acqua all'altezza della spiaggia davanti al Pescatore e all'Europa. Sembra si trovasse su un pedalò quando, una volta in acqua, è sprofondato. Ancora una volta il Nucleo sommozzatori (ancora non messo nelle condizioni di partire direttamente da Mattarello come accadeva negli scorsi anni) non è arrivato in tempo utile

05 luglio - 16:51
Il drammatico scontro è avvenuto intorno alle 15.30 di oggi, domenica 5 luglio, all'altezza del campo da tamburello tra Dro e Drena. Si è verificato un violentissimo scontro tra una vettura e una moto, quest'ultima con a bordo due persone
05 luglio - 14:00

La denuncia del Codacons: “Attraverso la voce ‘tassa Covid’, che va da un minimo di 2 euro dei parrucchieri ai 10 euro dei centri estetici fino ai 40 euro richiesti dalle officine, i consumatori sono stati colpiti da vere e proprie stangate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato