Contenuto sponsorizzato

La tempesta Vaia e la pressione selettiva sul patrimonio ittico dei torrenti

L'ittiologo Pintalti spiega che il cataclisma dello scorso ottobre ha provocato anche vaste conseguenze nei corsi d'acqua del Trentino
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 28 ottobre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La tempesta Vaia della fine di ottobre dello scorso anno ha coinvolto il patrimonio ittico dei torrenti che scorrono nelle valli interessate dall’evento calamitoso ed in particolare le due specie più comuni di trota Fario e Marmorata.

 

I bruschi e violenti fenomeni di piena e il conseguente rotolamento di massi con altro materiale hanno ripetutamente alterato l’alveo e le rive provocando la morte dei pesci più deboli.

 

Hanno resistito i soggetti più forti che dopo una fase di assestamento riprenderanno il sopravvento ripristinando la consistenza della popolazione. A formulare questo scenario è l’ittiologo Leonardo Pontalti dell’Ufficio Faunistico provinciale.

 

Sui letti di ghiaia che si sono formati dopo le piene gli esemplari che hanno resistito alla pressione selettiva dell’evento sono riusciti a completare un nuovo processo riproduttivo.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato