Contenuto sponsorizzato

Nuove piante per ricreare le condizioni naturali della Fossa di Caldaro

L'intervento dovrebbe consentire un aumento della fauna ittica rappresentata da luccio, carpa, persico reale e tinca
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 ottobre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La Fossa di Caldaro è un canale artificiale che raccoglie le acque di bonifica delle due province di Bolzano e di Trento e le fa confluire nel fiume Adige. Un progetto condiviso fra i Servizi foreste e fauna delle due province prevede la realizzazione di una serie di interventi correttivi in un tratto di alveo di circa 200 metri all’altezza dell’abitato di Roveré della Luna.

 

Leonardo Pontalti, ittiologo della Provincia di Trento, parla di rinaturalizzazione dell’ecosistema acquatico.

 

Lavorando sul fondo dell’alveo che è più ampio rispetto al normale decorso della fossa e soprattutto mettendo nell’acqua nuove piante, si vogliono ricreare le condizioni naturali che consentiranno un aumento della fauna ittica rappresentata da luccio, carpa, persico reale e tinca.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 giugno - 20:03
Il piccolo è stato vittima di un grave incidente avvenuto sabato mentre si trovava in bici. Trasportato in gravi condizioni al Santa Chiara, [...]
Cronaca
21 giugno - 17:12
L'incidente era avvenuto in località Bosco di Civezzano all'altezza del bivio di Sant'Agnese. Purtroppo le ferite si sono rivelate troppo gravi
Cronaca
21 giugno - 17:51
Ancora non si sa come sia successo, ma i carabinieri stanno indagando. Il giovane viaggiava tra Feltre e Anzu quando non è più riuscito a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato