Contenuto sponsorizzato

Tanto entusiasmo per il corso di imprenditore agricolo della Fondazione Mach

I corsisti si sono calati nelle attività previste nelle 600 ore per ottenere il brevetto, ma soprattutto hanno condiviso un duplice filo conduttore dell’iniziativa didattica: da un lato preparare giovani a ragionare e decidere da soli, dall'altro trarre dal contatto con i frequentanti un rapporto di conoscenza e amicizia reciproca
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 20 agosto 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Non contano i nomi, ma quello che le persone dicono con convinzione. Domanda posta a due giovani tra i 30 ed i 40 anni che hanno frequentato con profitto il corso biennale di 600 ore gestito dalla Fondazione Mach per il conseguimento del brevetto di imprenditore agricolo.

 

Quale è stata la materia di insegnamento che vi è piaciuta di più? Risposta di entrambi, lei con diploma di scuola superiore, lui ingegnere uniti da un amore maturato a S. Michele dal quale è nata una bambina di 18 mesi.

 

Non si può parlare di una singola materia. A noi è piaciuta l’impostazione complessiva del programma, teorico e pratico. Ma soprattutto abbiamo condiviso il duplice filo conduttore dell’iniziativa didattica: preparare giovani a ragionare e decidere da soli e trarre dal contatto con i frequentanti un rapporto di conoscenza e amicizia reciproca.

 

Molto positiva che continua anche dopo il conseguimento del brevetto. Lavorano in un’azienda agrituristica di Soraga, in Val di Fassa, completa e caratterizzata da pluriattività collegate all’ospitalità, messa in piedi dal padre diplomato perito agrario a S. Michele e dalla madre diplomata agrotecnico alla scuola di Castelfranco Veneto.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 13:13

Gli esercizi pubblici sono in sofferenza per le limitazioni imposte per fronteggiare la curva del contagio da Covid. I presidenti Fabia Roman e Massimiliano Peterlana chiedono un cambio di passo, anche per quanto riguarda le vaccinazioni: "Puntare con maggior forza su una campagna a tappeto che permetta all’economia di normalizzarsi"

04 marzo - 16:32

La scorsa domenica 28 febbraio un gruppo di persone è salito sul tetto di una casetta in legno che la gestrice del rifugio Talamini utilizza per il ricovero delle pecore in estate, finendo per farla collassare su un lato. Invece di riferire il danno, i turisti se ne sono andati via senza dire nulla

04 marzo - 17:02

La segretaria trentina del Pd spiega: ''Le dimissioni di Zingaretti sono la conseguenza dello stillicidio a cui si è assistito nelle ultime settimane. Ora serve fare sintesi e rilanciare l'azione politica e programmatica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato