Contenuto sponsorizzato

Tempesta Vaia, il coronavirus blocca gli spostamenti e mancano le ditte per portare avanti l'esbosco

Il mancato rientro è dovuto al calo notevole del prezzo del legname recuperato. Sono i comuni, le Asuc e i proprietari privati a doversi accollare il compito di far rientrare le ditte o assoldarne di nuovo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 giugno 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

L’autorizzazione a riprendere il lavoro di esbosco nei distretti schiantati dalla tempesta Vaia non ha purtroppo comportato il rientro di tutte le ditte provenienti dall’estero (Svizzera, Austria, Germania) sui cantieri precedentemente avviati in Trentino.

 

Il mancato rientro è dovuto al calo notevole del prezzo del legname recuperato. Sono i comuni, le Asuc e i proprietari privati a doversi accollare il compito di far rientrare le ditte o assoldarne di nuove.

 

Non è quindi immotivato l’appello raccolto negli ambienti interessati al recupero del legname da esboscare (50%) rivolto alla Provincia e alla Cciaa perché si facciano carico del reperimento di imprese dietro offerta di un prezzo del legname garantito dall’ente pubblico.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 agosto - 05:01

In un Paese come la Germania sono gli stessi elettori a pretendere serietà dai loro rappresentanti e così per il numero 1 della Repubblica Federale tedesca non c'è stato altro da fare (soprattutto in questo momento difficile dove il Covid sta tornando e in Spagna e Francia si parla già di seconda ondata). In Italia, le cose, vanno diversamente

08 agosto - 18:09

Uno dei due ladri ha tentato di aggredire un carabiniere con un cacciavite. Nel furgone dei malviventi recuperate tre biciclette (una completamente smontata) dal valore complessivo di 9500 euro, ma anche sofisticate apparecchiature per inibire i Gps

09 agosto - 09:27

Il fatto è avvenuto nella notte tra sabato 8 agosto e domenica 9 a Ossana, in Val di Sole. Una discussione degenerata è stata sedata da due militari presenti sul posto in abiti civili. Identificatisi ai giovani protagonisti della zuffa, uno dei due carabinieri è stato raggiunto da un pugno di uno di questi, che successivamente ha cercato la fuga. 5 le persone identificate, tra cui dei minorenni. Rischiano fino a 5 anni di reclusione per rissa aggravata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato