Contenuto sponsorizzato

Tra analisi e metodo di coltivazione, proseguono le ricerche sul prezzemolo dei soldati di Napoleone a Brentonico

Nei tre lotti di terreno nei quali dallo scorso anno si coltiva il prezzemolo Cronil rinvenuto anni fa nell’omonima zona dell’altopiano di Brentonico da Paolo Passerini si è proceduto nei mesi di luglio e di settembre al taglio dell’ortaggio
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 novembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nei tre lotti di terreno nei quali dallo scorso anno si coltiva il prezzemolo Cronil rinvenuto anni fa nell’omonima zona dell’altopiano di Brentonico da Paolo Passerini si è proceduto nei mesi di luglio e di settembre al taglio dell’ortaggio.

 

L’operazione è stata eseguita da Pietro Fusani, esperto di botanica e biochimica vegetale del Consiglio per la ricerca in agricoltura che ha sede a Villazzano di Trento.

 

Fusani ha ricevuto dal Consorzio di miglioramento fondiario di Brentonico l’incarico di mettere a punto un metodo razionale di coltivazione del prezzemolo ma soprattutto di analizzare le sostanze nutraceutiche contenute nella pianta.

 

Si ritiene che il prezzemolo Cronil sia stato coltivato in loco da un gruppo distaccato di soldati di Napoleone.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 settembre - 05:01

Era impiegato fino a 12 ore giorno per pochi euro alla settimana, lavoratore in nero soccorso dalla guardia di finanza: Sono senza un euro ma sono sollevato. Se il futuro mi preoccupa? Certo, ma almeno ora posso affrontarlo a testa alta”

21 settembre - 10:29

Il frontale è stato molto violento, ad avere la peggio l’uomo a bordo del quad per il quale è stato necessario il trasferimento in codice rosso all’ospedale Santa Chiara di Trento. Sul posto sanitari, vigili del fuoco e forze dell’ordine

21 settembre - 10:00

Sono 20 i nuovi casi positivi al Coronavirus in Alto Adige su 1126 tamponi analizzati dai laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina. Il numero dei contagi da inizio epidemia sale pertanto a 3321, mentre i decessi rimangono stabili a 292. Sale l'indice contagi/tamponi, passato dall'1,37% di ieri all'1,78% di oggi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato