Contenuto sponsorizzato

Un fungo causa il marciume delle castagne ed è stato favorito dalle alte temperature

Questo fatto complica la situazione e rende necessario il proseguimento della ricerca in laboratorio e in pieno campo. Rimane da approfondire anche il rapporto che si instaura tra il fungo e la pianta.
Dal blog di Sergio Ferrari - 18 novembre 2018 - 20:18

Il marciume delle castagne causato da un fungo denominato Gnomoniopsis castanea è stato studiato per la prima volta in Trentino da Giorgio Maresi, ricercatore della Fondazione Mach che si occupa di malattie del castagno. Questa avversità, dice l’esperto, sta arrecando danni gravi in tutte le zone castanicole d’Italia.

 

Quest’anno il fungo è stato favorito dalla temperatura elevata che ha accompagnato il periodo di raccolta raggiungendo i 25 gradi. L’infezione ha interessato i frutti anche dopo la raccolta. Questo fatto complica la situazione e rende necessario il proseguimento della ricerca in laboratorio e in pieno campo. Rimane da approfondire anche il rapporto che si instaura tra il fungo e la pianta.

 

 

Il micelio si insinua tra le crepe della corteccia ed è presente durante l’intero anno.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato