Contenuto sponsorizzato

Un carrello della spesa più caro e più leggero, la crisi Covid ha falcidiato del 30% al mese i redditi mensili

Per la Uil del Trentino rimane incomprensibile, anche da questi dati, la scelta della Provincia di stanziare risorse locali quasi irrilevanti per i lavoratori e le lavoratrici e le loro famiglie, colpite dai mancati rinnovi dei contratti a tempo determinato, dalla mancata occupazione per 20.0000 stagionali dal dicembre scorso e dalla cassa integrazione Covid
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 20 aprile 2021

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

E riparte nel 2021 pure l’inflazione in Trentino. Se la spinta dei prezzi è molto moderata a livello Italia (pari a -0,1%), in Trentino la fa sempre da padrone il costo del carrello della spesa, dell’abitazione, dei trasporti e dei pubblici esercizi (seppur questi ultimi “aperti a singhiozzo”): l’indice medio di marzo è infatti dello 0,5%. Domanda debole e incerta per la crisi sanitaria e la riduzione generalizzata di salari e stipendi.

 

Un carrello della spesa in Trentino più caro e quindi più leggero. Per cui i consumi stentano a ripartire visto il rimbalzo dei prezzi di alimentari e bevande (+1,5 % marzo ‘21 su marzo ’20), con una sola nota positiva, che il rischio stagnazione resta ridotto.

 

A questo si somma, nel confronto col marzo 2020, un incremento maggiore dei prezzi rispetto al resto del Paese di 1,4% dell’abitazione, utenze e dell’energia, del 2,5% nei trasporti e del 2,1% nei pubblici esercizi.

 

Per la Uil del Trentino rimane incomprensibile, anche da questi dati, la scelta della Provincia di stanziare risorse locali quasi irrilevanti per i lavoratori e le lavoratrici e le loro famiglie, colpite dai mancati rinnovi dei contratti a tempo determinato, dalla mancata occupazione per 20.0000 stagionali dal dicembre scorso e dalla cassa integrazione Covid, che ha falcidiato del 20-30% al mese i loro redditi mensili.

 

Solo una spinta alla domanda interna potrà sbloccare la situazione e di conseguenza l’occupazione e la ripresa. E finora, su questo versante si è visto purtroppo un intervento provinciale di supporto contributivo, economico e fiscale solo a favore della imprese, nulla o quasi per lavoratori e famiglie. La Uil confida a questo punto solo in altri aiuti e provvidenze, oltre alla proroga del blocco degli sfratti e della proroga della cassa integrazione, da parte dello Stato nazionale.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 maggio - 11:25
Gli studenti chiedono la possibilità di dialogare con l’amministrazione comunale e di avviare un tavolo di discussione con residenti ed [...]
Cronaca
12 maggio - 12:00
Non si ferma il conflitto armato fra gruppi palestinesi ed esercito israeliano: da entrambe le parti si contano vittime fra i civili e centinaia di [...]
Cronaca
12 maggio - 10:43
Succede a Trento e sono le forze messe in campo dalla Croce Rossa per aiutare l'azienda sanitaria nella campagna vaccinale. Tutto questo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato