Contenuto sponsorizzato

“Un libro, una città”, un romanzo da leggere insieme nel 2018

Al via la selezione del titolo che tra un anno sarà “adottato” dalla comunità  dei lettori trentini. Si potrà votare via Facebook, Twitter (#1libroxtrento18) o nelle urne presenti nelle biblioteche cittadine e all'Urp di via Manci

Pubblicato il - 01 dicembre 2016 - 16:38

TRENTO. Leggere insieme un romanzo, lo stesso romanzo. Commentarlo, rappresentarlo, declamarlo. Raccontarlo su twitter, 140 caratteri al giorno o su Instagram, con libere interpretazioni fotografiche. Adattarlo per i più piccoli. Mandarne a memoria le frasi che più ci hanno colpito. Semplicemente discuterne nelle scuole, nelle biblioteche, nei gruppi di lettura. E' questo il programma – ancora libero, da costruire – di “Un libro, una città”, un progetto ispirato a un'esperienza collettiva di lettura già collaudata in molte città americane.

 

“Un libro, una città” sarà una delle iniziative del programma di Trento Capitale della cultura 2018, ma invita la comunità dei lettori trentini a mobilitarsi fin da subito. Già da oggi sarà infatti possibile votare il romanzo che, tra poco più di un anno, farà appassionare la città a una storia, a un personaggio, a uno stile di scrittura.

 

Si potrà fare la propria proposta sui social (via Facebook o Twitter), menzionando il Comune di Trento e utilizzando l'hashtag #1libroxtrento18. Oppure si potrà votare inserendo l'apposita scheda nelle urne presenti nelle biblioteche cittadine e all'Urp di via Manci.

 

Non si dovrà trattare di un libro qualsiasi: visto che Trento si candida a Capitale italiana della cultura, italiano dovrà essere anche il romanzo. Che dovrà essere stato pubblicato dal 1918, per sottolineare gli anniversari importanti, cruciali di un secolo dopo: la fine della prima guerra mondiale, Trento che diventa italiana.

 

La procedura di voto prevede una scelta e una proposta: una scelta tra i libri selezionati da una “giuria” di addetti ai lavori o comunque di appassionati lettori e la proposta di un romanzo ulteriore a piacere (purché italiano e purché pubblicato dal 1918 in poi).

Ecco la lista dei libri individuati dalla giuria.

  1. Un anno sull'altipiano (1938) - Lussu
  2. Cristo si è fermato a Eboli (1945) – C. Levi
  3. La luna e i falò (1950) – Pavese
  4. Il sergente nella neve (1953) – Rigoni Stern
  5. Casa d'altri (1953) – D'Arzo
  6. Il Gattopardo (1958) – Tomasi di Lampedusa
  7. Il giardino dei Finzi Contini (1962) - Bassani
  8. Lessico famigliare (1963) – Ginzburg
  9. La tregua (1963) – Levi
  10. Libera nos a malo (1963) - Meneghello
  11. Il partigiano Johnny (1968) – Fenoglio
  12. Le città invisibili (1972) – Calvino
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato