Contenuto sponsorizzato

Coltivava in collina cannabis 'geneticamente modificata'. L'uomo ai carabinieri: ''Fornisce un gusto diverso, ma migliore, di quella in pianura''. Denunciato

L'uomo, incensurato, di Arco è stato deferito in stato libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto

Pubblicato il - 28 ottobre 2017 - 09:42

ARCO. Coltivava cannabis modifica geneticamente con un principio attivo maggiore. A finire nei guai è stato un insospettabile arcense di mezza età.

 

In carabinieri di Arco, durante alcuni controlli in collaborazione con il Nucleo Cinofili dei Carabinieri di Laives con i cani Niko e Zeus, splendidi esemplari di pastori tedeschi, hanno effettuato 2 perquisizioni domiciliari nei confronti dell'uomo. In un primo caso hanno rinvenuto alcuni grammi di Marijuana nell’abitazione del centro cittadino mentre, nel secondo caso, nelle pertinenze della casa di montagna a San Giovanni al Monte i militari arcensi hanno trovato 4 piante di cannabis, in pieno stato vegetativo quasi a completa maturazione.

 

Da un primo esame gli inquirenti ritengono sia del tipo geneticamente modificata per la ridotta altezza e la copiosa infiorescenza particolarmente resinosa che ne aumenta esponenzialmente il principio attivo. Le piante sono state inviate in Laboratorio per le analisi.

 

L’uomo, incensurato, ha ammesso le proprie responsabilità raccontando ai militari del vizietto saltuario e della coltivazione in collina che fornisce un gusto diverso, ma migliore, di quella indoor e coltivata in pianura.

 

Al termine delle operazioni di sequestro l’uomo è stato deferito in stato libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto per coltivazione di sostanze stupefacenti in violazione dell’articolo 73 comma 1 e 5 del DPR 309/1990.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 marzo - 10:02

I soldi ai singoli comuni arriveranno già in questi giorni e sarà compito dei sindaci, assieme ai servizi sociali, individuare le famiglie a cui riservare il buono spesa

30 marzo - 13:26

I sindacati Filcams e Fisascat Cisl hanno già segnalato il problema, nei giorni scorsi, all’Azienda provinciale per i servizi sanitari e alle ditte che si occupano del servizio di sanificazione delle strutture ospedaliere e nelle residenze per anziani, senza ottenere fino a questo momento alcun riscontro

30 marzo - 12:15

L’app trentina (e gratuita) sviluppata da due coinquilini per aiutare le persone con i servizi a domicilio, ecco l’idea di Giulio Michelon e Alvise Zanardo: “Non siamo né medici né infermieri ma abbiamo messo comunque le nostre competenze informatiche al servizio della collettività”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato