Contenuto sponsorizzato

Continua a nevicare, traffico in tilt in Val di Non e sulla Statale delle Dolomiti. Istituiti posti di controllo

Mentre i disagi legati alla nevicata aumentano le forze dell'ordine stanno facendo dei controlli per verificare che i mezzi siano in regola con catene e pneumatici anti-neve

Pubblicato il - 27 dicembre 2017 - 16:49

TRENTO. Continua a nevicare in molte valli e montagne trentine. Dal primo pomeriggio la neve sta scendendo copiosamente nella parte occidentale del territorio provinciale a quote superiori a 500 metri e nella parte orientale a quote superiori ai 700-800 metri. Il traffico, di conseguenza, si sta intensificando su tutta la rete stradale con problemi legati ad auto che perdono aderenza o che si devono fermare per montare le catene. Anche in considerazione dell'intensificazione del traffico registrata a partire dalle 10, sono stati attivati i seguenti posti di controllo:

 

- Carisolo, lungo la SS 239
- Presson (Dimaro Folgarida), lungo la SS 42
- Maso Milano (Campodenno), lungo la SS 43
- Siror, lungo la SS 50
- Mezzolombardo nord, lungo la SP 64.

 

Le strade che presentano più disagi sono la SS 43, tra Cles e Mostizzolo e nei pressi del cementificio "Tassullo", per autotreni fermi sulla carreggiata sprovvisti di catene e sulla SS 48 delle Dolomiti, tra Passo S. Lugano e Maso Cela, per incidenti. Su tutte le strade a quote superiori a 800 - 1.000 metri è richiesta attrezzatura invernale montata.    

 

Forti rallentamenti, poi, su passo San Lugano (SS48) tra l'Alto Adige e la Val di Fiemme per un incidente e su passo San Pellegrino (SS346) per i mezzi che stanno tentando di scendere senza attrezzature da neve.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato