Contenuto sponsorizzato

Continua a nevicare, traffico in tilt in Val di Non e sulla Statale delle Dolomiti. Istituiti posti di controllo

Mentre i disagi legati alla nevicata aumentano le forze dell'ordine stanno facendo dei controlli per verificare che i mezzi siano in regola con catene e pneumatici anti-neve

Pubblicato il - 27 dicembre 2017 - 16:49

TRENTO. Continua a nevicare in molte valli e montagne trentine. Dal primo pomeriggio la neve sta scendendo copiosamente nella parte occidentale del territorio provinciale a quote superiori a 500 metri e nella parte orientale a quote superiori ai 700-800 metri. Il traffico, di conseguenza, si sta intensificando su tutta la rete stradale con problemi legati ad auto che perdono aderenza o che si devono fermare per montare le catene. Anche in considerazione dell'intensificazione del traffico registrata a partire dalle 10, sono stati attivati i seguenti posti di controllo:

 

- Carisolo, lungo la SS 239
- Presson (Dimaro Folgarida), lungo la SS 42
- Maso Milano (Campodenno), lungo la SS 43
- Siror, lungo la SS 50
- Mezzolombardo nord, lungo la SP 64.

 

Le strade che presentano più disagi sono la SS 43, tra Cles e Mostizzolo e nei pressi del cementificio "Tassullo", per autotreni fermi sulla carreggiata sprovvisti di catene e sulla SS 48 delle Dolomiti, tra Passo S. Lugano e Maso Cela, per incidenti. Su tutte le strade a quote superiori a 800 - 1.000 metri è richiesta attrezzatura invernale montata.    

 

Forti rallentamenti, poi, su passo San Lugano (SS48) tra l'Alto Adige e la Val di Fiemme per un incidente e su passo San Pellegrino (SS346) per i mezzi che stanno tentando di scendere senza attrezzature da neve.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 17:12

Con una crisi in atto, intere regioni che sono state in lockdown, il virus ancora molto presente e i decessi in aumento ha senso spingere per attivare il comparto della montagna che, giocoforza come qualsiasi ambito turistico, vive dell'assembramento altrimenti può anche non aprire, o non è meglio spingere compatti per ristori all'altezza delle perdite che ci saranno, prima di tutto per ristoratori, albergatori, artigiani e tutto il mondo della montagna prima che gli impianti che comunque dal pubblico hanno sempre avuto rassicurazioni 

26 novembre - 16:34

Una anziana di 82 anni è stata investita nella serata di mercoledì 25 novembre lungo la strada che dalla frazione di San Costantino porta a Fiè allo Sciliar. L'investitore, alla guida di un'automobile nera, si è dato alla fuga, non prestando soccorso alla malcapitata. La donna è stata portata in elicottero all'ospedale San Maurizio di Bolzano, dove le è stata constatata la rottura del femore

26 novembre - 16:20

In un post condiviso su Facebook: "Faremmo volentieri in maniera differente, ma l'asporto con i rifugi è impossibile, noleggiare a distanza non ha senso, impartire lezioni di sci dal divano è assai riduttivo e non credo nemmeno che qualcuno pagherebbe per un giro in funivia in streaming”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato