Contenuto sponsorizzato

Kj2, in pochi alla prima manifestazione di protesta. Ugo Rossi: "Non sopporto che definiscano 'bastardi' i trentini"

Partiti da Riva del Garda arriveranno a Trento per poi scendere verso Rovereto. Tappezzate le automobili: "Rossi Assassino". Programmate per sabato altre manifestazioni. Intanto il governatore affida a twitter il suo pensiero sulle critiche che piovono sul Trentino in questi giorni

Di Donatello Baldo e Giuseppe Fin - 15 August 2017 - 16:55

TRENTO. "In questi giorni sono oggetto di insulti e anche minacce. Non importa. Pazienza. Ma non sopporto che definiscano 'bastardi' i trentini". Dopo i continui attacchi alla propria persona, al Trentino e ai trentini, avvenuti in questi giorni da parte di numerosi animalisti, il presidente Ugo Rossi ha deciso di esprimere il proprio pensiero attraverso un Tweet.  Un messaggio chiaro dopo la bufera che si è scatenata in questi giorni e che non accenna a diminuire a seguito dell'abbattimento dell'orsa Kj2 avvenuta sabato sera sul monte Bondone. 

 

Per la giornata di sabato a Trento è prevista una manifestazione organizzata da diverse associazioni animaliste e intanto oggi si è svolto il primo corteo, di auto, che da Riva del Garda si è spostato in diverse località trentine per protestare contro l'uccisione del plantigrado. 

 

 

La carovana di automobili (otto in totale), partita da Riva del Garda e diretta a Trento,  si è messa in moto con un po' in ritardo. "Abbiamo dovuto aspettare delle persone che arrivavano fin dalla Toscana che sono rimaste imbottigliate nel traffico". 

 

In tutto sono una ventina, due virgola qualcosa per macchina. "Ora siamo stiamo costeggiando Castel Toblino - ci spiega una delle organizzatrici, al telefono - e ci fermeremo a Terlago per una sosta". Proprio nel comune dove l'orsa abbattuta nei giorni scorsi ha aggredito un anziano che passeggiava nei boschi.

Le automobili usate per la carovana sono agghindate con striscioni e cartelli, con scritte di condanna e di sdegno. "Vergogna", "Si poteva salvare", "Assassini". Al telefono, la militante animalista spiega che i manifestanti sono arrabbiati: "Ci sentiamo anche traditi da una provincia che ha sempre detto di essere dalla parte della natura".

 

Tra le scritte anche "Rossi assassino" e il ritornello scandito durante i presidi delle colte scorse: "Sangue sulle vostre mani". Questa è la prima manifestazione, con le macchine arriveranno a Trento, poi saranno a Rovereto e torneranno in serata a Riva del Garda. "Ci saremo anche alle prossime iniziative - afferma la signora - come tre anni fa quando hanno ucciso Daniza".

"Ho partecipato a tutte le manifestazioni, ero presente sia quando siamo entrati nel palazzo della Provincia sia a Pinzolo". Ma nessun timore che si ripetano le tensioni degli anni scorsi: "Da parte nostra no, ma sono sempre stati i cittadini i più incivili, quelli che provocavano e offendevano". 

 

La polizia, nel timore che anche in questa occasione possano sorgere contrasti con le popolazioni locali, scorta la carovana e si ferma ad ogni sosta per gestire l'ordine pubblico. 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 maggio - 15:37
La polizia locale del capoluogo ha elaborato un piano straordinario della viabilità. Ecco i principali provvedimenti in previsione del concerto di [...]
Cronaca
16 maggio - 11:01
Diverse le irregolarità in un cantiere che era stato allestito per la riqualificazione di un albergo: tra queste la mancanza di idonei locali [...]
Cronaca
16 maggio - 15:05
Poco dopo mezzogiorno e mezzo è arrivata la sentenza in Corte d'appello che ha confermato l'ergastolo per Marco Manfrini per l'omicidio di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato