Contenuto sponsorizzato

Nucleo Elicotteri della Provincia: dopo gli incidenti arriva la riorganizzazione dei dirigenti

Lo avevamo annunciato poche settimane fa. Il ruolo di Flight operations manager (responsabile tecnico) ricoperto da Bruno Avi passerà temporaneamente a Rosati come anche quello di Safety manager (ricoperto fino a ieri dal pilota che aveva avuto l'incidente a Pietramurata)

Di L.P. - 01 dicembre 2017 - 17:58

TRENTO. Lo avevamo anticipato qualche settimana fa: non tirava una buona aria in casa Nucleo Elicotteri della Provincia di Trento. Dall'incidente sul Nambino, passando per quello di Pietramurata, infatti nel mirino erano finiti i dirigenti in quanto responsabili in termini "politici e di "immagine" di quanto accaduto. Oggi la notizia della Pat: "Nucleo Elicotteri, avviata una fase di riorganizzazione". In sostanza? Ivo Erler si libera (pare lo chiedesse da tempo) del ruolo di "Accountable manager" (lo ricoprirà pro tempore fino a nomina di nuova figura prevista ad hoc) ma soprattutto Bruno Avi viene sostituito da Piergiorgio Rosati (suo vice) in attesa di selezione. 

 

E’ stato, infatti, deciso che il ruolo di "Accountable manager", responsabile d’impresa che si occupa, fra le varie cose, degli adempimenti connessi all'acquisizione delle certificazioni emesse da Enac, debba essere svolto da una figura appositamente dedicata. Per queste ragioni la Giunta ha disposto di avviare una selezione per il reclutamento esterno di questa figura. In attesa che tale procedura si compia, le funzioni restano in capo all'ingegnere Ivo Erler, dirigente del Servizio antincendio e protezione civile.

 

"Per le stesse ragioni - comunica la Provincia - si attiverà una selezione anche per individuare il Flight operations manager, il responsabile tecnico delle operazioni di volo e il Safety manager, il responsabile della sicurezza dei voli". Il primo era il ruolo ricoperto dal comandante del Nucleo Bruno Avi. Il secondo ruolo era in carica alla persona che era alla guida dell'elicottero che era stato danneggiato a Pietramurata. "In questo caso - prosegue la Provincia - in attesa che le procedure di selezione siano concluse, la Giunta ha deciso di affidare temporaneamente tali incarichi, a decorrere dal 2 dicembre 2017, all’attuale Deputy manager, il comandante Piergiorgio Rosati".
 

Decisioni queste motivate dalla Provincia vista "la complessità e l’articolazione del servizio reso alla comunità trentina, cresciuta notevolmente nel corso del tempo, con oltre 3000 voli all’anno". Per questo "si rende necessario un aggiornamento del modello organizzativo, che permetta di confermare e migliorare i già notevoli standard qualitativi. Oggi la Giunta provinciale, con una delibera a firma del presidente Ugo Rossi e dell’assessore Tiziano Mellarini, ha avviato una prima fase di riorganizzazione con cui vengono ridefiniti alcuni ruoli chiave".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 19:22

In aula il presidente della Provincia ha ribadito più volte che non c'è compatibilità tra grandi carnivori e agricoltura e allevamento di montagna rischiando di svilire dei progetti apprezzati e premiati in tutta Europa che possono essere migliorati ma hanno già raggiunto grandi risultati (170.000 euro di danni in un anno per le 100-120 unità tra orsi e lupi sono circa 1.500 euro a grande carnivoro, cifre migliorabili ma comunque molto basse)

22 luglio - 19:18

L'incidente è avvenuto intorno alle 17.45 l'escursionista stava percorrendo il sentiero lungo la via ferrata Burrone Giovanelli per raggiungere il canyon e poi il monte di Mezzocorona

22 luglio - 13:11

Parliamo di errore perché non potrebbe essere altrimenti. Il presidente della Pat ha pronunciato queste parole questa mattina in consiglio provinciale illustrando l'assestamento di bilancio 2019-2021 ed è la frase è anche nel documento. ''Un miracolo che può riuscire solo all'assessore alla conosc(i)enza Bisesti'', commenta l'ex assessora Sara Ferrari. In realtà, si immagina, volessero scrivere Alta formazione professionale (e non università) 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato