Contenuto sponsorizzato

Pensava fosse un'amica e invece la sorprende a rubare in casa e chiama i carabinieri

E' successo a Baselga di Piné. Le due donne si frequentavano da qualche tempo ma qualche giorno fa la padrona di casa ha notato la ragazza rubare dal suo cassettone 400 euro. Ritrovata anche una telecamera rubata in un altro appartamento da un 28enne 

Pubblicato il - 11 dicembre 2017 - 11:23

BORGO VALSUGANA. Pensava fosse un'amica, una persona di cui fidarsi e invece s'è accorta che le stava rubando in casa. Ha, quindi, chiamato i carabinieri che giunti sul posto hanno trovato la donna con addosso ben 400 euro. I fatti sono accaduti a Baselga di Piné. La vittima è un donna 59enne che aveva fatto entrare in casa una ragazza macedone di 26 anni con la quale era entrata in confidenza da qualche tempo.

 

Le due donne si erano sedute a bere un tè, come era già successo altre volte senza che si verificasse nulla di strano, ma questa volta le cose sono andate diversamente. La ragazza, infatti, si è allontanata per andare ai servizi ma è stata notata dalla padrona di casa a frugare in un cassetto del comò posto in camera da letto per mettersi, poi, in tasca, alcune banconote.

 

La donna ha, quindi, subito chiamato i carabinieri e i militari della Stazione di Baselga di Pinè sono giunti sul posto mentre le due donne ancora conversavano intorno ad un tavolo. Hanno quindi identificato la responsabile A.B., macedone 26enne che nulla ha potuto se non riconsegnare i soldi rubati, 400 euro, alla legittima proprietaria.

 

Di prima mattina, poi, è giunta alla stazione dei carabinieri la chiamata di una donna che ha denunciato di aver subito il furto di una telecamera dall’interno della propria abitazione. I militari della Stazione di Baselga di Pinè, hanno eseguito un sopralluogo ed attivato le indagini.

 

Sono, quindi, riusciti ad individuare un testimone oculare che ha fornito elementi fondamentali al rintraccio del responsabile che dopo poco ore, è stato identificato, individuato ed interrogato dagli inquirenti. Si tratta di un italiano, noto pregiudicato della zona, C.A., 28enne, con precedenti specifici. Inizialmente non ha risposto alle domande, poi ha negato e quindi ha confessato. La perquisizione domiciliare, ha permesso il rinvenimento della telecamera rubata e la restituzione alla proprietaria.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato