Contenuto sponsorizzato

Ruba il portafoglio a un'anziana di 88 anni al pronto soccorso. Denunciato dai carabinieri

E' successo ad Arco e i fatti risalgono all'inizio di ottobre. Autore del gesto un uomo di 38 anni già noto ai carabinieri per fatti analoghi. Importanti le telecamere di sorveglianza, ora è accusato di furto aggravato

Pubblicato il - 21 ottobre 2017 - 19:32

ARCO. Dovrà rispondere di furto aggravato il 38enne disoccupato, di origini pugliesi, denunciato dai carabinieri. I fatti risalgono all'8 ottobre scorso, quando l'uomo avrebbe sottratto il portafogli a un'anziana che si era recata all'ospedale di Arco.

 

Questa signora di 88 anni del posto, subito dopo essersi accorta del furto, ha contattato i carabinieri. Ai militari ha spiegato che all'interno c'erano 90 euro in contanti e vari documenti e tessere.

 

Ha raccontato come sono andati i fatti: era nella sala di attesa del triage del Pronto Soccorso dove si era recata accompagnata dalla figlia per un dolore al ginocchio. Dopo poco era stata chiamata dai medici e quindi aveva estratto la tessera sanitaria.

 

Dopo aver terminato la registrazione ed i primi accertamenti diagnostici, era tornata al proprio posto rimettendo la tessera nel portafoglio e posizionando la borsa tra lei ed un uomo seduto a fianco, che sicuramente ha notato il contante del portafogli e ha ritenuto allettante la situazione.

 

Tanto allettante che ha urtato volontariamente la borsetta facendola cadere a terra per ben due volte, scusandosi con modi molto garbati e con toni di assoluta gentilezza. Secondo i militari, nella prima occasione avrebbe aperto la zip della borsa mentre nella seconda avrebbe prelevato il portafoglio per poi alzarsi e allontanarsi.

 

La signora, chiudendo subito la borsa, si è subito accorta della mancanza del portafoglio, quindi senza perdersi d’animo ha subito avvisato i sanitari che hanno chiamato i militari della Stazione di Arco.

 

Giunti sul posto sono state attivamente eseguite accurate ricerche del soggetto, descritto minuziosamente dalla donna, scovandolo a poche centinaia di metri dall’ospedale mentre attendeva l’autobus. La perquisizione non dava riscontro ma veniva identificato l'uomo già conosciuto per analoghi fatti, il quale negava ogni addebito.

 

Le indagini hanno permesso di appurare che il giovane non aveva alcun giustificato motivo di essere al Pronto Soccorso. Fondamentali sono state le immagini dell’impianto di videosorveglianza  che hanno permesso di ricostruire i dettagli per poi deferirlo alla Procura della Repubblica per furto pluriaggravato.

 

Particolare importante è che l’uomo subito dopo aver consumato il furto si era cambiato pantaloni e maglietta per evitare di essere riconosciuto riponendo il tutto nello zainetto, indumenti fotografati e confrontati con le immagini acquisite al momento del furto dai militari della Stazione arcense.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 20 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 gennaio - 19:59
Trovati 2.375 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 3.257 guarigioni. Sono 167 i pazienti in ospedale. Tutti i Comuni sul [...]
Cronaca
21 gennaio - 20:17
Il partito austraico no vax Mfg ha dovuto disdire la conferenza stampa prevista nel noto Café Museum di Vienna a causa della regola del 2G, [...]
Economia
21 gennaio - 17:09
Nel settore melicolo i costi sono lievitati di circa 30 millesimi di euro al chilo, in buona parte dovuti all’aumento dell’energia elettrica [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato