Contenuto sponsorizzato

Senegalese dall'Austria vuole tornare in Italia. Arrestato al confine

Sul 29enne pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Torino per reati commessi in diverse zone d'Italia

Pubblicato il - 16 novembre 2017 - 16:15

BOLZANO. Stava rientrando in Italia ma è stata fermato dagli agenti della polizia del Brennero e arrestato. E' successo della tarda mattinata di ieri e il protagonista è un cittadino senegalese di 29 anni.

L’uomo viaggiava a bordo del treno regionale proveniente dall’Austria, con tratta Innsbruck- Brennero, sprovvisto di qualunque documento d’identità.

 

Portato in commissariato, a seguito dei rilievi foto dattiloscopici, è emerso che l'uomo aveva a suo carico numerosi precedenti di Polizia e un Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Torino per reati commessi in Italia.

 

E' stato quindi tratto in arresto e accompagnato presso la casa circondariale di Bolzano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato