Contenuto sponsorizzato

Si schianta durante la Coppa Europa in Paganella, grave un'atleta della nazionale norvegese

L'incidente è avvenuto intorno alle 12.30. Il personale sanitario è immediatamente intervenuto per stabilizzare l'atleta prima del trasporto in elicottero all'Ospedale Santa Chiara

Di Luca Andreazza - 14 dicembre 2017 - 16:50

ANDALO. Grave incidente intorno alle 12.30 in Coppa Europa femminile di slalom gigante in corso di svolgimento ad Andalo. Il tecnico e impegnativo pendio della pista Olimpionica ha tradito la norvegese Guro Hvammen.

 

La sciatrice scandinava dopo aver preso un’internata è andata in rotazione contro un porta, cadendo all’indietro e sbattendo sulla neve con la schiena e la testa. Le sue condizioni sono apparse subito molto serie. Immediato l’intervento dei sanitari della Croce Bianca Altopiano della Paganella e del medico di gara che erano dislocati sulla pista nei pressi dell'incidente, riuscendo a rianimare Hvammen, classe 1997, dopo che aveva perso conoscenza.

 

Dopo i primi interventi del personale sanitario per stabilizzarla, Hvammen è stata trasportata in elicottero all'ospedale Santa Chiara di Trento, dove si trova ricoverata al reparto di rianimazione in prognosi riservata.

 

Una gara interrotta più volte a causa della fitta nebbia, infatti gli organizzatori hanno deciso di spostare la seconda manche a domani.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

21 ottobre - 12:32

Mentre le regioni e le province autonome stanno decidendo nuove misure per frenare il contagio, il governo pensa a limitazioni che uniformino tutto il Paese. Si va verso la chiusura degli spostamenti fra i territori regionali e il coprifuoco per impedire gli assembramenti notturni

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato