Contenuto sponsorizzato

A cento all'ora in centro storico, multa da 532 euro ad un motociclista

L'attività di controlli portata avanti nel fine settimana dalla Polizia locale della Valle del Chiese ha registrato una trentina di sanzioni. Tra di loro anche motociclisti che tengono la targa inclinata per non farsi rilevare ai controlli 

Foto archivio
Pubblicato il - 10 July 2018 - 12:03

STORO. Andava a 100 all'ora in centro a Lodrone ed ora arriverà una multa di 532 euro. E' successo ad un motociclista che proprio in centro paese, domenica scorsa, ha avuto la mano pesante incurante, fra le altre cose, della presenza degli agenti della polizia locale del Chiese.

 

La moto è sfrecciata attorno alle 9.30 e l'occhio elettronico dei vigili, presenti sul posto ma nell'altra corsia, ha ripreso la targa. “Ora a questa persona – ha spiegato il comandante Stefano Bertuzzi – spetta una multa di 532 euro”.

 

Sono una trentina le sanzioni che la polizia locale del Chiese ha comminato nel fine settimana. Non sono mancate le sanzioni sempre a motociclisti che avevano le targhe del mezzo inclinate. “E' un modo – ha spiegato il comandante – per evitare che la strumentazione usata da noi riesca a leggere la targa e quindi individuare l'identità della persona alla guida”.

 

Ad essere sanzionati non sono solo le moto ma anche gli automobilisti che non rispettano i limiti di velocità e la segnaletica stradale. “I motociclisti che passano per le nostre zone – ha spiegato Bertuzzi – sono quasi sempre persone correttissime, serie e che rispettano le norme. Poi c'è la questione dei numeri,  è evidente che anche per l'elevatissimo passaggio di centauri nel fine settimana, è più facile trovare chi non rispetta le norme o che rimane coinvolto in un incidente”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 18:34

Dallo studentato di San Bartolameo l’appello di Sara che si fa portavoce di un gruppo di studenti: “Nessuno parla della responsabilità della struttura. Avevamo denunciato la festa, ma nessuno del personale era intervenuto”. Fontana: "Non escludiamo alcuna colpevolezza. Oggi però pensiamo ai tamponi. Anche i negativi rimarranno in quarantena finché non sarà scongiurato il pericolo"

07 March - 18:33

L'allerta è scattata a San Giovanni di Fassa. Il macchinario ha travolto e schiacciato una 72enne. In azione la macchina dei soccorsi

 

07 March - 16:05

Nella vicenda interviene anche Slow food Trentino Alto Adige, struttura autonoma con personalità giuridica propria, associata a Slow food international, rappresentata da Sergio Valentini. Questa realtà si è costituita ad adiuvandum. Il Comitato è assistito dagli avvocati Vanni Ceola e Federico Fedrizzi, mentre Slow food è rappresentata dagli avvocati Elina Scotti e Raffaele Bifulco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato