Contenuto sponsorizzato

Accordo tra Aersud Elicotteri e Soccorso Alpino e Speleologico per lo sviluppo e la sicurezza dell’elisoccorso

Il protocollo è stato firmato ieri alll'aeroporto di Mattarello. Avviata una collaborazione importante: "Le due realtà potranno mettere a frutto iniziative di grande interesse. Una tra le attività più significative quelle dell'l’addestramento

Pubblicato il - 01 August 2018 - 09:30

TRENTO. Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e l’azienda italiana Aersud Elicotteri hanno siglato oggi un importante accordo di collaborazione finalizzato ad incrementare la sicurezza delle missioni sanitarie e di ricerca e soccorso, con particolare riferimento al miglioramento degli equipaggiamenti di bordo degli elicotteri e all’addestramento del personale.

L’accordo è stato firmato questa mattina presso l’Aeroporto Caproni di Trento, dove è situata Helicopters Italia, la ditta di manutenzione della storica azienda elicotteristica. L’accordo tra Aersud e il Soccorso Alpino ha l’obiettivo di migliorare ulteriormente l’efficacia complessiva del sistema operativo dell’elisoccorso in ambienti montani e impervi, tramite la condivisione dei rispettivi patrimoni di competenze.  

 

Il Soccorso Alpino fin dagli anni ’70 ha introdotto l’utilizzo dell’elicottero per risolvere i casi più complessi di emergenza tecnico-sanitaria dove l’ambiente è estremo, mentre Aersud Elicotteri, da oltre 40 anni, è presente nel settore elicotteristico italiano e ha maturato una grande esperienza nella specifica attività di elisoccorso, in particolare con mezzi Airbus.

Il protocollo firmato oggi avvia una collaborazione importante, nella quale le due realtà potranno mettere a frutto iniziative di grande interesse. Una tra le attività più significative sarà la sinergia in un settore, l’addestramento, che riveste una sempre maggiore importanza.

 

Il CNSAS metterà a disposizione la grande esperienza tecnica e l’esperienza delle proprie scuole e istruttori, mentre Aersud potrà impegnarsi nella formazione dell’equipaggio di volo relativamente alle “non technical skills” (competenze non tecniche) sviluppata con il supporto dell’Università di Verona (Dipartimento di Scienze Umane).

I due soggetti inoltre si impegneranno per promuovere il miglioramento delle norme di settore, con le Autorità Aeronautiche Nazionali ed Europee. Si occuperanno in particolare dell’analisi delle nuove operazioni con utilizzo dei visori notturni NVG (Night Vision Google), fondamentali per la sicurezza delle missioni di soccorso notturno, ormai operativo in diverse regioni italiane.

"È giunto il momento di dare spazio a questo tipo di sinergie e valorizzare la forza dell’esperienza” ha spiegato il Presidente di Aersud Riccardo Aichner. “Da sempre Aersud è attiva nello sviluppo dell’elisoccorso e, con questo accordo, attiveremo un canale di collaborazione importante da cui trarranno beneficio tutti i professionisti del settore ed, in particolare, la collettività italiana a cui potrà essere garantito un servizio di soccorso di eccellenza riconosciuto a livello internazionale.”

Il Soccorso Alpino e Speleologico ha sempre avuto un ruolo di primo piano nello studio e nell’applicazione di tecniche innovative nell’elisoccorso - ha detto invece Maurizio Dellantonio, il presidente nazionale del CNSAS. "Essere anche al fianco di un partner come Aersud apre oggi nuove importanti prospettive di sviluppo, per la sicurezza dell’equipaggio e per un servizio di soccorso al cittadino ancora più rapido ed efficiente”

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 February - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 February - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato