Contenuto sponsorizzato

Accusato di spaccio ma è innocente, lo Stato paga per l'ingiusta detenzione. La rivincita del senegalese fotografato da Cia

Nel 2016 il consigliere di Agire aveva postato su Facebook la sua foto ammanettato. Ora la Corte d'Appello ha deciso di riconoscergli 1.500 euro per essere stato 6 giorni in cella per errore

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 10:45

TRENTO. Era stato arrestato 'a furor di popolo', indicato come lo spacciatore che aveva venduto la droga al tossicodipendente che poi era andato in overdose. Ora la Corte d'Appello di Trento ha deciso che gli spetta il risarcimento per ingiusta detenzione, 1.500 euro per aver passato sei giorni in carcere senza alcun motivo.

 

La vicenda del senegalese ammanettato davanti alla stazione dei treni aveva avuto anche un risvolto politico, con il consigliere Claudio Cia che immortalò la scena e la pubblicò sul suo profilo Facebook indicandolo come 'il colpevole'. Partì anche una denuncia nei confronti del consigliere di Agire per il Trentino, denuncia che fu poi archiviata, dietro oblazione

 

Ma torniamo al 2016, quando il procedimento a carico del ragazzo senegalese fu avviato in seguito alla segnalazione di un testimone. Ma il ragazzo si dichiarò subito innocente e la sua versione fu confermata dalle registrazioni delle telecamere di sorveglianza e dalle indagini successive. 

 

Un errore giudiziario che portò il 32enne all'ingiusta detenzione. Per sei giorni, fino all'intervento del suo avvocato Giorgio Pontalti, rimase a Spini di Gardolo. Ora che è uscito e che la giustizia l'ha dichiarato non colpevole, ha chiesto il risarcimento. Lo Stato, con l'assenso anche della Procura, dovrà riconoscere al senegalese 1.500 euro e pagare le spese legali per 1.800 euro.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato