Contenuto sponsorizzato

Accusato di spaccio ma è innocente, lo Stato paga per l'ingiusta detenzione. La rivincita del senegalese fotografato da Cia

Nel 2016 il consigliere di Agire aveva postato su Facebook la sua foto ammanettato. Ora la Corte d'Appello ha deciso di riconoscergli 1.500 euro per essere stato 6 giorni in cella per errore

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 10:45

TRENTO. Era stato arrestato 'a furor di popolo', indicato come lo spacciatore che aveva venduto la droga al tossicodipendente che poi era andato in overdose. Ora la Corte d'Appello di Trento ha deciso che gli spetta il risarcimento per ingiusta detenzione, 1.500 euro per aver passato sei giorni in carcere senza alcun motivo.

 

La vicenda del senegalese ammanettato davanti alla stazione dei treni aveva avuto anche un risvolto politico, con il consigliere Claudio Cia che immortalò la scena e la pubblicò sul suo profilo Facebook indicandolo come 'il colpevole'. Partì anche una denuncia nei confronti del consigliere di Agire per il Trentino, denuncia che fu poi archiviata, dietro oblazione

 

Ma torniamo al 2016, quando il procedimento a carico del ragazzo senegalese fu avviato in seguito alla segnalazione di un testimone. Ma il ragazzo si dichiarò subito innocente e la sua versione fu confermata dalle registrazioni delle telecamere di sorveglianza e dalle indagini successive. 

 

Un errore giudiziario che portò il 32enne all'ingiusta detenzione. Per sei giorni, fino all'intervento del suo avvocato Giorgio Pontalti, rimase a Spini di Gardolo. Ora che è uscito e che la giustizia l'ha dichiarato non colpevole, ha chiesto il risarcimento. Lo Stato, con l'assenso anche della Procura, dovrà riconoscere al senegalese 1.500 euro e pagare le spese legali per 1.800 euro.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 05:01

Un'immagine registrata utilizzata per la campagna elettorale, tutto senza autorizzazione. Un caso che non è sfuggito alla proprietaria del "marchio", che è Cristina Fogazzi, conosciuta come l'Estetista cinica, che si è resa protagonista di un durissimo affondo contro Odilla Ponti candidata della Lega alle elezioni amministrative di Trento

22 settembre - 08:55

Per il governatore Veneto un risultato che nessun altro governatore aveva raggiunto. "E' una responsabilità grande che arriva da un voto dei veneti per il Veneto” ha spiegato

22 settembre - 08:09

Il ministro della Salute: "“Ho firmato una nuova ordinanza che estende l’obbligo di test molecolare o antigenico ai cittadini provenienti da Parigi e altre aree della Francia con significativa circolazione del virus. I dati europei non possono essere sottovalutati. L’Italia oggi sta meglio di altri Paesi, ma serve ancora grande prudenza per non vanificare i sacrifici fatti finora”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato