Contenuto sponsorizzato

Accusato di spaccio ma è innocente, lo Stato paga per l'ingiusta detenzione. La rivincita del senegalese fotografato da Cia

Nel 2016 il consigliere di Agire aveva postato su Facebook la sua foto ammanettato. Ora la Corte d'Appello ha deciso di riconoscergli 1.500 euro per essere stato 6 giorni in cella per errore

Pubblicato il - 08 maggio 2018 - 10:45

TRENTO. Era stato arrestato 'a furor di popolo', indicato come lo spacciatore che aveva venduto la droga al tossicodipendente che poi era andato in overdose. Ora la Corte d'Appello di Trento ha deciso che gli spetta il risarcimento per ingiusta detenzione, 1.500 euro per aver passato sei giorni in carcere senza alcun motivo.

 

La vicenda del senegalese ammanettato davanti alla stazione dei treni aveva avuto anche un risvolto politico, con il consigliere Claudio Cia che immortalò la scena e la pubblicò sul suo profilo Facebook indicandolo come 'il colpevole'. Partì anche una denuncia nei confronti del consigliere di Agire per il Trentino, denuncia che fu poi archiviata, dietro oblazione

 

Ma torniamo al 2016, quando il procedimento a carico del ragazzo senegalese fu avviato in seguito alla segnalazione di un testimone. Ma il ragazzo si dichiarò subito innocente e la sua versione fu confermata dalle registrazioni delle telecamere di sorveglianza e dalle indagini successive. 

 

Un errore giudiziario che portò il 32enne all'ingiusta detenzione. Per sei giorni, fino all'intervento del suo avvocato Giorgio Pontalti, rimase a Spini di Gardolo. Ora che è uscito e che la giustizia l'ha dichiarato non colpevole, ha chiesto il risarcimento. Lo Stato, con l'assenso anche della Procura, dovrà riconoscere al senegalese 1.500 euro e pagare le spese legali per 1.800 euro.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 13:42
In zona gialla dovrebbero restare valle d'Aosta e Liguria, la Sardegna in quella bianca; il presidente delle Marche, Francesco Acquaroli, inserisce in zona rossa le province di Macerata e Ancona. La Provincia di Bolzano si è autoproclamata zona rossa fino al 14 marzo, mentre quella di Trento, secondo quanto affermato dal governatore, dovrebbe restare in zona arancione
05 marzo - 12:30

Numeri in leggero calo in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si registrano 230 nuovi positivi e 4 decessi. Preoccupa intanto la variante sudafricana, con l'individuazione di 15 casi nella serata di giovedì 4 marzo

04 marzo - 18:04

Il Consiglio provinciale ha approvato una mozione promossa da Lorenzo Ossanna (Patt) che impegna la giunta a controllare che nelle scuole trentine, durante le ore di educazione civica, si parli di autonomia sia sotto il profilo storico che sotto quello istituzionale. Ma cosa significa?

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato