Contenuto sponsorizzato

Aggressione al parco Santa Chiara. Calci, pugni e spuntano i coltelli. Due persone all'ospedale

E' successo ieri pomeriggio. Due gruppi di stranieri si sono scontrati. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine e i soccorsi sanitari

Pubblicato il - 20 novembre 2018 - 08:38

TRENTO. Paura a Trento nel primo pomeriggio di ieri al parco Santa Chiara dove due gruppi di stranieri, da una parte dei pakistani e dall'altra dei magrebini.

 

L'aggressione è avvenuta poco dopo le 14 e il tutto sarebbe nato da uno scambio di insulti che con il passare dei minuti è diventato sempre più forte. Da uno scontro verbale si è passato poi allo scontro fisico con calci e pugni tra i due gruppi. Ad un certo punto, però, sono comparsi anche dei coltelli.

 

Sul posto si sono portati i carabinieri con una pattuglia della volante in supporto e sono stati fatti intervenire anche dei soccorsi sanitari. Due persone sono state trasferite in ospedale perchè ferite.

 

Su quello che è successo le forze dell'ordine hanno inviato le indagini per capire anche da cosa è nato lo scontro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 12:37

Il presidente del Forum Trentino per la Pace e i diritti umani (organismo “consulente” della Giunta e del Consiglio Provinciale) manda una lettera all'assessore all'istruzione e cultura per chiedergli di non far saltare quell'importante attività di educazione alla cittadinanza attiva che per tanti giovani è stata anche una delle prime esperienze lavorative: ''Credo non solo debba essere garantito nei suoi progetti ma addirittura rafforzato''

25 maggio - 12:53

Il parco acquatico Riovalli di Cavaion Veronese non riaprirà per l'estate. Le restrizioni imposte dai protocolli di sicurezza, le procedure e l'innalzamento automatico dei costi hanno spinto la direzione a decidersi per la chiusura, lasciando a casa una trentina di dipendenti. Il proprietario: "Lasciati soli dal governo. Anche con le nuove disposizioni del Veneto, come posso garantire al cliente di usufruire dei servizi per cui ha pagato?"

25 maggio - 12:08

Il fatto è accaduto in Val di Ledro, dopo che tre motociclisti venivano fermati per un controllo lungo la gardesana occidentale, al confine tra Lombardia e Trentino. Uno di loro, infatti, decideva di darsi alla fuga perché sprovvisto di patente da almeno vent'anni. L'uomo, un 53enne, è stato bloccato mentre cercava per un'altra strada di tornare verso casa e sanzionato per violazione delle norme di contenimento del virus, fuga e guida senza patente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato